Utente 143XXX
Salve, circa venti giorni fa sono stata ricoverata in ospedale per un ascesso sacrococcigeo, hanno effettuato il taglio e il drenaggio e non hanno applicato nessun punto lasciando la ferita aperta. In questo momento sono in gravidanza al settimo mese e mi hanno detto di ripresentarmi per l'intervento dopo il parto o dopo l'allattamento.
Adesso il taglio si sta richiudendo e la mia paura è che si riformi l'ascesso e che altro dolore, anestesia o taglio possa essere pericoloso per il bambino.
C'è qualcosa che si può fare per prevenire la formazione dell'ascesso o la completa chiusura del taglio?
Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Da quanto scrive appare sia stato fatto tutto in modo condivisibile. Una volta cicarizzata la ferita la possibilita' teroca che si riformi l' ascesso esiste e non è prevenibile, in quel caso puo' essere necessario un nuovo drenaggio (anche se a gravinzanza in corso) rimandando la terapia definitiva a parto avvenuto. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it