Utente
Gentile dottore,
ho 36 anni e la scorsa settimana mi sono sottoposto alla mia prima colonscopia. L'indagine mi è stata consigliata per problemi di familiarità infatti, lo scorso anno, è stato asportato chirurgicamente a mia madre un carcinoma nel colon cieco. Mentre 5 anni fa' a mio zio (fratello di mia madre) è stato asportato un carcinoma nel sigma.
Il referto della mia colonscopia è stato: "Esame condotto fino al cieco. Scarsa toilette a livello di cieco e valvola ileocecale che permette di escludere lesioni grossolane. Polipo sessile di circa 3 mm a livello del colon trasverso distale che viene asportato ed inviato per esame istologico. Regolari i restanti tratti colici esplorati".
Il conseguente risultato istologico è stato: "Adenoma tubolare con displasia severa".
Il responsabile del laboratorio di endoscopia digestiva chirurgica mi ha consigliato di ripetere l'esame tra 6 mesi.

Sono sinceramente molto preoccupato, capisco che il livello di displasia, la mia giovane età e la mia familiarità sono fattori non positivi, ma sei mesi mi sembra un tempo ugualmente molto breve.
Lei cosa ne pensa??? Ritiene che questo breve periodo sia dovuto alla previsione da parte dei medici di trovare tra sei mesi altri polipi??? O forse peggio???
Cosa mi consiglia di fare???

Inoltre il responsabile del laboratorio, a seguito di mia esplicita domanda, non si è detto molto preoccupato di non aver visionato correttamente il colon cieco.
Secondo lei, vista la mia familiarità diretta, non ci sono probabilità di trovare "qualcosa" anche in quella zona??? Se si, cosa ritiene opportuno dovrei fare???

Mi scuso se l'ho assillata di domande, ma ripeto, sono davvero molto preoccupato.
Grazie in anticipo per la sua disponibilità.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Sei mesi sono un tempo adeguato, ma se proprio non ce la fa a resistere puo' chiedere al suo Medico di anticipare l'esame di un mese o due. Senza esagerare pero', altrimenti si arriva al paradosso di voler fare una colonscopia tutti i mesi; e con tutte le sue ragioni, che posso comprendere, si tratta pur sempre di un esame invasivo e non esente da rischi.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com