Utente
salve sono una ragazza di 25 anni ho sempre sofferto di stitichezza ed emorroidi.
Cinque mesi fa mi sono sottoposta all'intervento hal doppler.Subito dopo l'intervento il mio transito intestinale è comletamente cambiato in quanto vado al bagno 1/2 volte il giorno, le feci sono morbide e spesso sfatte, a giorni soffro di meteorismo e i gg che vado al bagno 2 volte è perche alla prima sento che non sono riuscita ad espellere il tutto.mi chiedo il perche di questo radiacale cambiamento, prima dell intervento ero stitica.cosa è successo?.sono dimagrita anche5 kg e questo mi preoccupa.
altra preoccupazione è che quella pallina che sentivo c'è ancora ed è tornata subito furi dopo 2 gg dall intervento.
al momento la mattina quando vado al bagno non c è traccia di niente,anche se durante la giornata avverto comunque prurito e bruciore intorno all'ano,alla sera questa piccola sporgenza fuoriesce.
mi dispiace dirlo ma io ho speso quasi 2000 eurpo per questo intervento e speravo di uscirne da questo problema invece sono ancora qui con piu dubbi di prima e con uno specialista che appena sono tornata alla vista di controllo mi ha liquidato dicendomi che il cambiamento del mio transito intestinale non è assulutamente collegato all intervento che quella pallina che avverto in una parola si chiama papilla anale e che che dalla malattia emorroidaria sono completamente guarita.bhe un ottima guarigione direi..

io non sono un medico ma piuttosto parlerei di emorroidi recidive e che l'intervento non sia ben riuscito, ma per quanto riguarda il mio transito intestinale non so rispondermi.
C'è gentilmente qualcuno che mi puo dire qualcosa in merito a tutto questo???ringrazio in anticipo.
distinti saluti

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
È davvero improbabile che il tipo di intervento subito al di la del risultato locale abbia potuto influire così drasticamente sul funzionamento intestinale. I sintomi riferiti potrebbero invece essere dipendenti da una sindrome da colon irritabile. Consiglierei pertanto una visita gastroenterologica per un corretto approccio diagnostico e terapeutico al problema.
Dr. Roberto Rossi