Utente
Gentili Dottori, scrivo per sottoporre alla Vs. attenzione il mio problema. Lo scorso Maggio ho iniziato ad avvertire sintomi quali prurito/spilli anali, senso di pesantezza anale/corpo estraneo e presenza muco/filamenti color bianco/giallognolo nella parte iniziale delle feci. Preciso che non ho mai avuto se non forse un'unica volta perdite di sangue (feci striate di sangue) ne mai dolore. Nessun problema di stitichezza ne dolori o fastidi durante l'espulsione delle feci. Per lavoro sono seduto molte ore alla scrivania. Mi sono recato dal medico di base ho illustrato quanto sopra e dopo aver guardato la parte esterna mi ha prescritto pomata e lavaggi Centeril H e visita gastroenterologica. La pomata e i lavaggi davano sollievo soprattutto al prurito che era il fastidio preponderante (bruciore e spilli spariti quasi subito) unitamente alla continua presenza di muco/filamenti nelle feci. Mi sono recato dal gastroenterologo dopo aver elencato i sintomi mi ha esplorato all'interno manualmente dicendo che non c'era nulla di che se non forse una piccola infiammazione se non erro definitiva proctite. E mi ha consigliato esame chimico-fisico feci, esame parassitologico feci per vedere se il prurito e la mucorrea erano determinati da batteri o altro, esami sangue e urine. Il responso di tutti gli esami non ha determinato nulla anzi tutto ampiamente nella norma (se non presenza di residui vegetali nelle feci). Durante i lavaggi avevo avvertito al tatto la presenza di una piccolissima pallina quasi impercettibile (testa di spillo) subito all'interno dell'ano che però' dopo alcuni giorni è scomparsa. Dopo circa 1 mese e mezzo dall'inizio dei sintomi ho smesso pomata e lavaggi in quanto il prurito/spilli etc erano scomparsi rimasto solo a volte senso di pesantezza anale e presenza muco/filamenti feci. Tornato dal medico di base che mi ha prescritto visita proctologica. Effettuata 2 mesi fa (esplorazione anale manuale + rettoscopia) con il seguente esito: prolasso mucoso del retto ed emorroidi di 2° e 3° grado. Si consiglia intervento chirurgico di sospensione manuale del prolasso in regime di day surgery con anestesia locale. Se ho ben compreso trattasi della tecnica THD, vero? Ora visto che l'unico sintomo che ancora avverto è la presenza di muco/filamenti nelle feci (peraltro non tutti i giorni) ma che non ho mai più avuto prurito,spilli,bruciore e che mai ho avuto perdite di sangue ne dolore, è proprio necessario ricorrere a questo intervento? Mai subito interventi chirurgici prima d'ora (solo asportazione nevi). Se non volessi procedere con l'intervento potrei condurre una vita normale (e magari fare ogni tanto 30 minuti di corsa 3 volte alla settimana) o andrei incontro a rischi o al peggioramento della patologia? Sinceramente non avendo più da diverso tempo sintomi non vorrei fare un intervento che potrei tranquillamente evitare e procedere con una vita normale. Mi scuso per la lunghezza del testo, in attesa Vs. cortesi notizie, grazie cordialità

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Come può immaginare non è possibile esprimere un parere sulla necessita dell'intervento senza una visita. In linea generale si può dire che se non esistono gravi disturbi potrebbe attendere che i sintomi si ripresentino.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Egr. Dr. Rossi, innanzitutto la ringrazio per la celere risposta.
Secondo la Sua esperienza sarebbe utile un secondo parere fornito da altro proctologo? L'intervento chirurgico consigliato dal proctologo che mi ha visitato è il metodo THD DOPPLER? Io sinceramente da 2 mesi non ho più sintomi fastidiosi quali prurito, spilli, bruciore e non ho mai avuto perdite di sangue ne dolori, le uniche cose che ancora riscontro a distanza di 5 mesi (inizio sintomi) sono la presenza di muco e/o filamenti sulla prima parte delle feci e a volte in alcune posizioni un leggero fastidio anale (sensazione corpo estraneo/pesantezza). Rimango in attesa di Suo cortese riscontro. Grazie e cordiali saluti

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Direi che un ulteriore parere potrebbecessere consigliabile.
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dr. Rossi buondì, grazie per il consiglio. Oggi stesso fisserò appuntamento con altro proctologo onde ricevere 2° parere e Le farò conoscere l'esito. Nel frattempo potrebbe cortesemente chiarirmi se l'intervento chirurgico proposto dal primo proctologo che mi ha visitato "sospensione manuale del prolasso in regime di day surgery in anestesia locale" è il metodo THD o THD DOPPLER ? Attendo Suo riscontro. Grazie, buon proseguimento

[#5]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
tHD o THD doppler sono sinonimi. Personalmente preferisce eseguire l'intervento i'm anestesia spinale e non locale. Pero ogni chirurgo ha la sua esperienza.
Dr. Roberto Rossi

[#6] dopo  
Utente
Grazie per la conferma Dr. Rossi, sì scusi mi sono espresso male per locale intendevo spinale (mi ha parlato di anestesia simile a quella del dentista). Ma questo intervento è l'unica via percorribile per la patologia evidenziata? Come scritto in precedenza ove possibile vorrei evitare un intervento chirurgico visto che non ho più grandi sintomi. Terapie con medicinali non esistono come alternativa? In ogni caso ho prenotato con altro proctologo vediamo dopo la visita quale sarà il responso, la tengo aggiornata. Grazie molte cordialità

[#7] dopo  
Utente
Buongiorno Dr. Rossi / Dottori, ritorno in argomento dopo 2 settimane dall'ultimo messaggio in quanto ieri sera ho effettuato seconda visita proctologica con altro specialista.
Dopo aver esposto i miei problemi dei mesi scorsi e gli attuali che si limitano solo alla presenza sporadica di muco all'inizio delle feci, sono stato sottoposto a visita con esplorazione manuale e in seguito il dott. ha effettuato anorettoscopia. Le conclusioni sono state: visita proctologica: nulla alla ispezione, normotono sfinterico alla esplorazione digitale anale. Anorettoscopia: presenza di gavoccioli emorroidari congesti ed edematosi alle ore III, VII e XI. Per la presenza sporadica di muco nelle feci si può consigliare nonostante la giovane età (32) colonscopia per escludere eventuali polipi (muco dovrebbe essere causato dalle emorroidi) Secondo questo proctologo non ho prolasso mucoso del retto ma solo emorroidi interne infiammate e ingrossate senza alcun bisogno di intervento chirurgico e mi ha prescritto la seguente terapia:
TRIADE H BUSTE:1 busta al mattino e 1 a mezzogiorno per 20 giorni
VENESAN COMPRESSE: 1 compressa 2 volte al giorno per 20 giorni
PENTACOL 500 mg SUPPOSTE: 1 supposta al mattino con sopra LINFADREN crema per 45 giorni
TOPSTER SUPPOSTE: 1 supposta alla sera con sopra ANONET PLUS crema per 45 giorni
Stante le due visite proctologiche con esiti differenti a questo punto come posso procedere? Dove sta la verità? Devo fare la colonscopia? Inoltre gradirei sapere se vi è un'alternativa al medicinale TOPSTER in quanto ho una probabile allergia al cortisone, con cosa potrei sostituirlo? (mia madre e mio fratello sono allergici al cortisone)
Rimango in attesa di Vs preziosi consigli.
Grazie, cordialmente

[#8]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Ovviamente non so dire chi ha ragione. La colonscopia sembra una corretta indicazione che potrà stabilire la effettiva necessita di ricorrere ai farmaci contenenti cortisone.
Dr. Roberto Rossi

[#9] dopo  
Utente
Grazie Dott. Rossi, la colonscopia immagino tradizionale o potrebbe andare bene anche quella virtuale? E visti i tempi di attesa abbastanza lunghi nel frattempo devo procedere con la terapia ad eccezione del TOPSTER (cortisone) o avere altri accorgimenti? Potrei tornare anche eventualmente a correre (normalmente facevo 30 minuti di corsa 3 volte a settimana ).
In attesa Suo gradito riscontro, grazie cordialità

[#10]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Colonscopia tradizionale. Per orano cortisone,sino all'effettuazione della colonscopia.
Dr. Roberto Rossi