Utente
Buonasera,
non ho mai sofferto di emorroidi, salvo una rari casi (due) infammazione. L'ultima circa quindici anni fa.
Il 20 settembre a seguito di una dieta non particolarmente attenta, vita sedentaria etc, in preda a dolori fortissimi mi sono fatto visitare al pronto soccorso dell'ospedale sospettando una crisi emorroidaria.
Dal referto medico si parla di trombosi emorroidaria esterna. Mi sono state illustrate due strade: intervento per rimuovere la sacca di sangue, oppure l'applicazione di una crema DOLOPROCT con tempi piu' lunghi.
La trombosi esterna si e' risolta (ed il dolore scomparsi) nella perdita di sangue abbondante per circa una settimana.
Dopo circa 6gg dal prima referto medico, sono stato visitato da un proctologo: confermato della diagnosi precedente e suggerimento di proseguire nella terapia con crema e dieta.

Ad oggi (sono passati quasi 20 giorni) la situazione si presenta:
- perdita di muco, non abbondante ma costante, color giallo proveniente dall'ano;
- evacuazione regolare, senza stipsi ne' diarraa,
- nessuna perdita (visibile) di sangue
- riduzione quasi integrale della trombosi esterna
- leggero senso di nausea
- senso generale di spossatezza

Vivendo all'estero non ho altra possibilita' di comunicare in inglese. Vorrei ricevere, se possibile, un chiarimento sulla sintomatologia e magari qualche suggerimento per potermi sentire anche piu' tranquillo moralmente.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Probabilmente l' episodio acuto è in via di risoluzione ma persiste la malattia emorroidaria. Una rivalutazione proctologica credo si necessaria per fare il punto della situazione e un programma terapeutico. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
prima di tutto la ringrazio per il consulto. Domani stesso mi rechero' in una struttura ospedaliera locale (vivo in una nazione del Nord Europa), seguendo anche il suo suggerimento. La ringrazio, doppiamente.

Ci sono due aspetti che in questo momento hanno preso predominanza all'episodio acuto (la trombosi emorroida esterna), cui facevamo riferimento sopra:

1. la perdita di muco dall'ano, colore giallastro e con qualche "spot" di colore verdastro
2. il crescente senso di nausea / spossatezza

Senso che al momento si e' fatto predominante.

Stamane, ad esempio, dopo un´ora di attesa in piedi fra imbarco aereo e attesa al gate, ho avuto una mancanza e sudorazione fredda tale da farmi pensare ad un malore. Fortunatamente, seduto, dopo 5 minuti sono riuscito a riprendere il viaggio ed arrivato a destinazione.

Possibile che la persistenza della malattia emorroidaria possa produrre tutto cio', in termini di nausea crescente e un senso generale di reale debolezza?

In questo senso, in virtu' della sua esperienza, e per quanto possibile ovviamente in uno spazio come questo, quale tipologia di terapia cura prenderebbe in considerazione per il quadro clinico esposto?

Al momento seguo una terapia piuttosto semplice: crema DOLOPROCT, dieta leggera e da oggi solo acqua minerale naturale.

Cordiali saluti.








[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Ottimo. I sintomi che riferisce ora sono difficilmente attribuibili alle emorroidi, indagherei pertanto in altre direzioni su guida del medico che la segue. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Dottore, tralasciando i sintomi di generale spossatezza, la fuoriuscita il muco "anale" - causante anche irritazioni - in linea di principio e' altresi' direttamente assimilabile ad una completa non guarigione della malattia emorroidaria?

Puo' risultare una conseguenza di una trombosi emorroidale esterna (come risultante dalla prima e seconda visita specialistica)?

Le trombosi esterne, diagnosticate, sono in fase di risoluzione.

La ringrazio nuovamente, attendo la visita del medico curante. Cercaro' di dare riscontro anche in questa sede, a beneficio degli interessati.

Cordiali saluti.


[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Certo, questo è possibile. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it