Utente
Ciao, ho 22 anni, e da quando ero piccola chesoffro di stitichezza. Da quando avevo 15 anni ho notato che quando andavo al bagno, defecavo molto duro e così avevo delle piccole perdite di sangue sulla parte finale delle feci e sulla carta igienica (vedevo anche un piccolo taglietto). L'anno scorso sono andata al mio medico di base perchè ho defecato molto duro e ho perso un bel pò di sangue, lei tramite una visita mi ha detto che avevo una emorroide e una ragade, così mi ha dato una curetta (supposta e crema), mi ha prescritto delle analisi del sangue e delle analisi delle feci per escludere altremalattie. E' risultato tutto negativo, quindi mi ha detto di non preoccuparmi, e che se il problema si ripresentava dovevo appliccare la crema e dovevo prendere dei lassativi per permettere di defecare più morbido e di notare sempre se c'era del sangue. Dall'anno scorso fino a ora il problema del sanguimento si è risolto. Mi sono aiutata con dei lassativi, con la crusca e bevendo molto. Oggi andando al bagno ho defecato un pochino duro, ho visto con una lucina a led se era presente del sangue, ma non c'era nulla. Nel frattempo mi è rivenuto lo stimolo di defecare e ho fatto delle feci molli, non notavo del sangue, ma quando l'ho visto con la luce a led ho visto che erano presenti delle minuscole tracce di sangue (a due parti delle feci ho notato delle piccolissime tracce di sangue tipo quando ci si soffia il naso e notiamo delle striature di sangue). Poi mi sono pulita e ho visto con lo specchio se poteva trattarsi della ragade, ma non ho visto nulla. Adesso sono spaventata e non ho idea di cosa potrebbe trattarsi. Devo rifare nuovamente l'esame delle feci? Si potrebbe trattare di una piccola venetta che si è rotta per lo sfozo? Adesso gia sto pensando a quando dovrò defecare nuovamente, e se il sangue dovesse aumentare? Grazie in anticipo della risposta.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
È probabile che il sangue notato sia di provenienza emorroidaria. Nulla di allarmante. Utile una visita proctologica con anoscopia.
Dr. Roberto Rossi