Utente
Gentili dottori, scrivo nella speranza che possiate consigliarmi riguardo una situazione che è diventata invalidante.
Ho 27 anni e soffro di terribili coliche intestinali da quando ne avevo 16, inoltre da sempre il mio alvo è alterno con tendenza alla stitichezza. La situazione però è drasticamente peggiorata da quando, un paio di anni fa, il mio ciclo si è finalmente regolarizzato; se prima le coliche erano occasionali (una, massimo due volte l'anno e assenti per tutto il periodo durante il quale ho assunto la pillola anticoncezionale) e gli altri disturbi intestinali molto lievi, adesso ho notato che i miei disturbi seguono un pattern ben preciso: le coliche le ho sempre durante/in prossimità dell'ovulazione e delle mestruazioni, seppur non tutti i mesi, e ho notato che in fase luteale la stitichezza si accentua e che nei giorni immediadatamente precedenti l'arrivo del flusso e per tutta la durata dello stesso tendo ad avere diarrea (non scariche liquide, ma vado in bagno spesso molte volte al giorno) e talvolta la defecazione risulta dolorosa. Durante il resto del ciclo invece non ho particolari problemi, solo tendenza a gonfiore addominale e meteorismo.
Il gastroenterologo che mi ha in cura ha sospettato che possa trattarsi di endometriosi e mi ha fatto eseguire il dosaggio del Ca125, ma ha scartato l'ipotesi dopo aver visto che il valore rientra nella norma; avendo diagnosticato un colon spastico con corda colica durante una visita e mettendo insieme tutti i miei sintomi, secondo lui soffro semplicemente di sindrome dell'intestino irritabile e sono particolarmente sensibile alle fluttuazioni ormonali. Io però sono molto confusa e demoralizzata, questi disturbi non accennano a sparire e sono davvero invalidanti. Sono anche spaventata, perchè i miei sintomi mi sembra calzino a pennello con quelli dell'endometriosi intestinale. E' possibile che ne soffra pur essendo il Ca125 negativo e le mestruazioni assolutamente non dolorose se non per l'occasionale crampetto? Dovrei procedere con ulteriori accertamenti?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non é facile rispondere, ma potrebbe trattarsi di endometriosi come anche di colon irritabile. A volte la sola clinica non é dirimente e bisognerebbe procedere ad accertamenti quali ecografia. TAC, RMN e per ultimo alla Colonscopia per risolvere i dubbi diagnostici. Validi bassi di Ca125 non escludono l'endometriosi.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Cosentino,
l'anno scorso ho fatto un'ecografia completa dell'addome, risultata negativa. Il mio gastroenterologo mi ha inoltre sottoposto a sigmoidoscopia a seguito di un episodio di sanguinamento; a parte una zona della mucosa "escoriata" a causa della forte diarrea (avevo avuto una colica terribile un paio di giorni prima), per il resto il mio intestino è risultato perfetto e pertanto non mi ha consigliato una colonscopia. Ma lei ha confermato il mio sospetto che potrebbe comunque trattarsi di endometriosi, quindi ne riparlerò al mio medico.
Grazie per la risposta.