Utente 456XXX
Gent.mo dottore,
il 5 luglio sono stata operata di ragade anale cronica recidivante mediante anoplastica e asportazione polipo sentinella previa dilatazione e saturazione della ferita. Alla dimissione il chirurgo del reparto mi ha consigliato di effettuare semicupi tiepidi con Amuchina o sapone neutro dopo l'evacuazione e di asciugare bene la parte, di assumere lassativi (Movicol) e due cucchiai di olio di vasellina ad ogni pasto principale e di usare assorbenti in cotone per le perdite ematiche. Premetto che trent'anni fa avevo già subito un intervento di ragade con sfinterotomia che col tempo mi aveva provocato un ipertono sfinteriale marcato e avevo usato i dilatatori di piccola e media grandezza, che mi avevano dato solo un momentaneo miglioramento. Inoltre circa dieci anni fa all'ipertono e alla ragade si è aggiunto prolasso rettale e rettocele funzionale di primo grado. All'odierno controllo, il chirurgo che mi ha operata ha riscontrato una buona guarigione della ferita e mi ha consigliato di continuare con i lassativi (essendo tendenzialmente stitica e avendo fatto un uso continuativo di lassativi dai tempi del primo intervento di ragade), ma ciò che mi ha lasciato perplessa è stata l'indicazione di non effettuare lavaggi di nessun tipo nella zona operata per almeno un mese, ma di usare solo carta igienica e di sostituire gli assorbenti con garze sterili da cambiare spesso. Le chiedo se, per una migliore guarigione della ferita, è veramente essenziale non bagnare la parte o se è possibile eseguire almeno un lavaggio al giorno come ho fatto finora. In attesa di una Sua risposta La ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Puo' fare il lavaggio. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 456XXX

Gentile Dottore,
in riferimento al messaggio inviato il 12/07/17 Le volevo chiedere se, a due mesi dall'intervento, è normale che abbia ancora secrezioni sierose e talvolta anche ematiche con persistenza di dolore. Premetto che, dopo un mese dall'intervento, ho effettuato una visita di controllo e la situazione sembrava nella norma.
La ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti