Utente
Salve,

Stamattina, nell’atto della espulsione delle feci, come quasi sempre tutte le mattine, seguente ad assunzione caffè, ho notato di aver espulso sangue, e molto. Devo premettere che nonostante mi fossi promesso di pubblicare subito l’annuncio, senza leggere nulla, per non essere influenzato, ho fatto delle brevi letture qui sul sito, quindi spero di non venirne condizionato nella descrizione del mio caso.
Il sangue era di un colore rosso vivo, e mi sembrava che avvolgesse le feci, più che esserne commisto; devo dire che col senno di poi, avrei potuto prestare più attenzione, invece che scaricare quasi subito, inorridito da quello che ho visto.
Non ho provato particolare dolore durante l’atto, se non il fastidio dello sforzo per una defecazione non al 100% “liscia”; è da diverso tempo, che noto un’attività intestinale anomala, e di un meteorismo che non mi è mai appartenuto.
Non fumo, non assumo alcool, svolgo un lavoro per cui sollevo pesi, di moderata entità, ma in modo ripetuto. Ho eseguito una dieta proteica per diversi mesi, causa intensi allenamenti per la preparazione di un concorso.
Inoltre, devo riferire, di delle fitte dolore che avverto, nella parte interna e finale dell’ano, brevi e intense, così forti da dover fermare qualsiasi cosa io stia facendo; nei mesi scorsi, mi era capitato di notare del rosso sulla carta igienica, ma trattandosi solo di aloni, non ero sicuro che si trattasse di sangue, ho pensato che fosse il residuo di alimenti dello stesso colore.
Causa impegni lavorativi non potrò andare dal mio medico prima di domani, spero che saprà consigliarmi, magari una visita specialistica.
Secondo voi come dovrei comportarmi in auesto caso, agire con prudenza, o accelerare i tempi della diagnosi?

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Certo è la prima cosa da fare, tranne che il suo medico di base non abbia competenze in colonproctologia e sappia eseguire, in occasione della visita, anche una proctoscopia.
Solo con la visita integrandola con la proctoscopia si potranno dare delle risposte concrete a quello che ci ha riferito.
Cordiali saluti
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com