Utente
Salve dottore,
mi presento mi chiamo Daniele e sono un ragazzo di 26 anni. Faccio una vita prettamente sedentaria, lavoro nel mio studio di ingegneria che mi tiene il più delle volte incollato alla sedia per 11/12 ore al giorno.
Mio papà è stato operato di emorroidi diversi anni fa e mia mamma ne soffre anche lei.
Vi scrivo perchè da qualche anno soffro di emorroidi anche io, mai avuto dolori, ma solo casi di sanguinamento e qualche fastidio/prurito dopo aver defecato. L'anno scorso nel periodo estivo ho avuto episodi di sanguinamento ogni qual volta andavo in bagno, il sangue sempre rosso vivo, prima si notava solo sulla carta igenica, poi anche nel water successivamente. Era un periodo in cui mangiavo malissimo e ero arrivato a pesare sui 103 kg. A settembre con l'aiuto di una nutrizionista seguendo un'alimentazione corretta e iniziando a fare un pò di attività fisica, sono riuscito a perdere un bel po di peso, il mio peso attuale è di 79 kg e ancora sto seguendo il regime alimentare della dottoressa sotto forma di mantenimento ora e non di dieta.
Mi sento molto meglio fisicamente e da quando iniziai la dieta, da settembre a maggio non ho avuto nessun fastidio a livello di emorroidi.
A maggio sono stato negli stati uniti per il mio viaggio di nozze e ho mangiato cibi spazzatura e qualcosina in più, come per esempio cibi fritti, patatine, dolciumi ecc. e dopo una settimanella di alimentazione "sbagliata" sono riniziati gli episoidi di sanguinamento, all'inizio sangue solo sulla carta igenica a puntini poi con gocciolamento nel water.
La domanda che mi pongo è la seguente, davvero il sanguinamento può dipendere così tanto dal modo in cui mangio? Premetto che non mangio piccante, non bevo alcolici e non fumo (ho smesso da 3 anni).
Vado al bagno di frequente e regolarmente, ma quando mangio qualcosa al di fuori della mia corretta alimentazione come per esempio panini di fast food dei quali vado matto, il giorno dopo vado al bagno in modo irregolare con episodi di diarrea anche a volte. Quando seguo la mia alimentazione nella quale mangio di tutto (dieta mediterranea) sto invece benissimo.
Sono solo preoccupato in quanto soffro di ansia e sono un pochino ipocondriaco.
Grazie mille per il vostro tempo dedicatomi.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Ha eseguito una visita proctologica?
Un sanguinamento alla defecazione in occasioni di abusi alimentari, può essere legato anche ad altro, non solo alle emorroidi.
Se lo desidera ci tenga informati.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore grazie per la gentile risposta. Ora sono nel panico, da cos’altro può dipendere? Ovviamente dopo aver mangiato male, ma ora da maggio sono due mesi che va avanti il sanguinamento anche se tutti i giorni seguo la mia corretta alimentazione. Non capita solo nei casi in cui mangio male, ma c’è stato un periodo che il sanguinamento si era placato.

[#3] dopo  
Utente
Premetto che il sangue è sempre di colore rosso vivo, per gocciolamento e al momento della defecazione quando vado per pulire le sento le emorroidi molto gonfie all’esterno per poi sparire una volta che mi alzo e ho finito

[#4] dopo  
Utente
Riformulo perchè credo di essermi spiegato male con la speranza che qualcuno possa rispondermi. Quando mangio male capita che vada in diarrea alcune volte, dipende poi da cosa mangio, ma quelle volte che abuso di cibi fritti o pesanti, ai quali sembra proprio che il mio intestino sia intollerante allora non vado in bagno regolare, e questa diarrea peggiora le mie emorroidi perchè ho fatto caso che, quelle volte che ho avuto diarrea, le emorroidi mi si infiammano molto fino a sanguinare, dolori mai, solo sangue, senso di non completo svuotamento quando ho finito in bagno e alcune volte mi causano un pò di prurito, ma dolore mai. Poi farle sfiammare non è semplice, anche perchè non faccio uso di creme locali, che a dire la verità in passato mi hanno aiutato. Ho 26 anni e una figlia piccola di 2 e la paura di fare un esame e scoprire qualcosa di grave mi mette una paura incredibile, sono un soggetto molto ansioso.
Scusate per la mia insistenza.
Buona giornata e buon lavoro.

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Lei si è spiegato bene.
Esistono malattie infiammatorie intestinali che, indipendentemente dalla qualità del cibo assunto, sono causa di diarrea, a queste si possono associare anche problemi emorroidari.
Si affidi ad un colonproctologo per poter confermare o escludere l'esistenza di tali affezioni e per una valutazione diretta del suo problema emorroidario.
Da questa visita scaturirà la necessità o meno di accertamenti e la terapia del caso.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille dottore e scusi molto ma quando mi ha dato la prima risposta da bell'ipocondriaco che sono ho subito pensato al peggio tipo quello che potrebbe essere un tumore al colon, che mi fa una paura pazzesca.
Lei pensa che data la mia età e i miei sintomi che si protraggono da molto tempo ormai si possa trattare di qualche malattia infiammatoria intestinale e il sanguinamento è dato dalle mie emorroidi? So che non mi può fare una diagnosi e per escludere tutto devo fare le varie visite. Ma pensa che posso iniziare a stare un pò più tranquillo per quanto riguarda la mia paura più grande e fare tutti gli accertamenti del caso però senza tutta questa ansia che ho avuto in questi giorni? Grazie dottore lei è stato gentilissimo nel rispondermi così velocemente alla mia domanda di stamattina. Domani ho le analisi del sangue perchè devo controllare anche la tiroide e mi muovo subito per prenotare una prima visita proctologica.