Utente 435XXX
Salve, vi scrivo per spiegarvi il mio calvario dovuto a delle ragadi anali che mi sono state diagnosticate circa 3 settimane fa...
Il problema risale a 4-5 mesi fa quando notavo spesso la presenza di questo nodulo all’esterno dell’ano e, data la mia familiarità con le emorroidi, ho subito pensato fossero emorroidi e quindi ho provato varie cure (Daflon, Venolen plus e varie creme) ma il problema è andato man mano peggiorando così dopo varie defecazioni molto dolorose, sanguinamento parecchio esagerato nella tazza e dolore esagerato subito dopo la defecazione decido di fare una visita proctologica.

Il proctologo mi diagnostica delle ragadi anali da trattare con antrolin e fitostimoline proctogel e con il bere almeno 2 litri d’acqua al giorno ed è da quel giorno che è iniziato il mio calvario: da allora non riesco più a sedermi, ho difficoltà a camminare, ho un dolore sordo persistente nella zona anale, non riesco a stendermi sul letto e ho difficoltà a dormire, febbre che va e viene (arrivata delle volte a 39) e perdite di pus (credo) dai noduli situati vicino l’ano (ne ho due).
Parlando di nuovo con il mio medico di base e successivamente con il proctologo ho seguito terapia antibiotica (clavulin prima e rocefin fiale per 5 giorni dopo).
La febbre sembrava passata, ma appena smesso con la terapia antibiotica è tornata, con dolore ancora più forte e quindi mi decido ad andare al PS dove il chirurgo mi diagnostica un ascesso perianale che però non può essere inciso in quanto non ancora maturo e quindi di gestirlo per il momento con antibiotici e fare in seguito un ecografia.
Il problema è che sono disperato al momento è non so più cosa fare per il dolore, pensate che l’ascesso possa riassorbirsi con gli antibiotici oppure dovrei fare l’ ecografia il prima possibile?
Poi avevo programmato con il mio proctologo l’intervento di sfinterotomia per le ragadi tra due settimane e adesso non so cosa fare... Grazie in anticipo per le eventuali risposte

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Prima di qualunque intervento bisognerà attendere l' evoluzione dell' ascesso.
Questo potrà rientrare con la terapia antibiotica o aprirsi spontaneamente.
In entrambe i casi non bisogna eseguire nessun intervento sull'ano che non tenga conto delle cause che hanno determinato l'insorgenza di questo processo ascessuale.
Prego
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 435XXX

Salve, sono qui per aggiornarvi della situazione.. dopo aver parlato con il mio proctologo, il giorno 3 dicembre mi è stato effettuato l’intervento dove mi è stato riscontrato un ascesso ischio-rettale che è stato inciso e adesso ho ancora un tubicino per il drenaggio, mentre per le ragadi il dottore è riuscito a svolgere una divulsione anale in quanto non riteneva necessaria la sfinterotomia, adesso il problema è che dopo il primo giorno in cui ero sotto antidolorifici ora ho dolori lancinanti nella zona del drenaggio e dello zaffo (torno ogni giorno in ospedale per la medicazione) e non riesco a stendermi e a dormire la notte e soprattutto sono 3 giorni che non vado a bagno e il punto è che per questo dolore (che è una sorta di bruciore/sensazione di tirare) non riesco neanche a sedermi sul water, cosa ne pensate? quando pensate che il drenaggio possa essere rimosso e che il dolore possa passare?

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Dipende dalle condizioni locali, per poter rispondere alla sua domanda dovrei essere a conoscenza delle dimensioni della cavità ascessuale.
Sarà rimosso quando saranno certi della completa detersione della cavità drenata.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 435XXX

Salve dottore la volevo aggiornare della mia situazione: dopo l’operazione le cose sono migliorate di pochissima in quanto i dolori si ripresentano ogni qualvolta vado in bagno e la situazione non è stata per niente risolta, quindi su consiglio del mio proctologo ho svolto una RM delle pelvi e questi sono i risultati:
L'esame R.M. della pelvi mirato allo studio dei piani perineali e perianali, ha mostrato:
visibilità di una raccolta conformata a ferro di cavallo di verosimile natura ascessuale che avvolge antero-lateralmente in ambo i lati le pareti del canale anale misurando complessivamente in sezione coronale 5.6 cm in senso latero-mediale; la porzione localizzata nella fossa ischio-anale di destra misura in sezione assiale 2,7x1,2 cm ed in sezione coronale 2,8x1 cm, la porzione
localizzata nella fossa ischio-anale di sinistra misura in sezione assiale cm. 2,4x0,8 ed in sezione coronale 1,8x1,4 cm. Tale raccolta è in comunicazione con una discontinuità da tragitto fistoloso della parete antero-laterale di sinistra del canale anale localizzata alle ore 1 e genera a sinistra un ulteriore tragitto fistoloso apparentemente trans-sfinterico che raggiunge il profilo cutaneo in corrispondenza dei piani perianali di sinistra delle dimensioni in sezione coronale di cm.6,2x0,8. È tuttavia evidente un ulteriore tragitto fistoloso che origina dalla parete postero-laterale di sinistra del canale anale alle ore 5:00 e che si porta inferiormente apparentemente con percorso inter-
sfinterico, bordando il solco intergluteo di sinistra e giungendo poco al di sotto del profilo cutaneo posteriore.
Quest'ultimo tragitto fistoloso misura complessivamente in sezione coronale 4 cm di estensione cranio-caudale ed al suo terzo medio produce una piccola raccolta fusiforme delle dimensioni in sezione assiale di 1,6x0,6 cm che determina una bozzatura del profilo cutaneo del solco intergluteo omolaterale.
Si segnala nel contesto dello scavo pelvico una raccolta nello sfondato retto-vescicale delle
dimensioni in sezione assiale di cm.7,5x1,6.

Cosa ne pensate? Cosa dovrei fare? I risultati ottenuti non mi tranquillizzano per niente e suppongo che sia una situazione parecchio complessa... Grazie in anticipo per l’eventuale risposta

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La RM descrive una situazione complessa con diverse raccolte ascessuali ed a ferro di cavallo.
Tali raccolte non sembra che siano state prese in considerazione nel precedente intervento di drenaggio.
Utile una rivalutazione in sala operatoria.
Da indagare su eventuale associazione con M. di Crhon.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente 435XXX

Dottore grazie mille per la sua velocissima risposta, quindi quale pensa debba essere il mio prossimo passo? In base alla risonanza, quale pensa possa essere secondo lei l’intervento più efficace? Visto il grande numero di tipo di interventi possibili per questo tipo di problema e leggendo su internet soprattutto riguardo la tecnica VAAFT, volevo saperne magari le cosa ne pensasse

[#7]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Al momento è assolutamente necessario drenare gli ascessi e, se è possibile, posizionare dei setoni drenanti. La VAAFT sarà una soluzione percorribile quando le cavità ascessuali saranno completamente drenate e si saranno trasformate in tragitti fistolosi.
Questo vale anche per le altre tecniche bisogna attendere la completa scomparsa della cavità ascessuali.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com