Utente
Buongiorno, richiedo la vostra attenzione e il vostro consulto poichè esattamente 10 gg fa alcuni "chicchi neri", per intenderci della grandezza e forma di un chicco di riso, sono apparsi sul fondo del wc dopo aver evacuato e successivamente scaricato l'acqua.
Accanto a essi anche due o tre piccolissimi vermetti bianchi mobili.
Visto il periodo delicato ho potuto unicamente contattare telefonicamente il mio medico il quale mi ha consigliato una cura da ossiuri: una compressa di Vermox da ripetere poi fra 2 gg, trascorse le due settimane dalla prima dose.
Inoltre, ho intensificato la giornaliera sanificazione di ambienti e oggetti d uso cambiando ogni giorno lenzuola e biancheria da bagno lavandole ad alte temperature.

Continuo a riscontrare a giorni alterni alcuni vermetti ancora mobili e la presenza di questi "chicchi neri".
A volte solo questi ultimi e i vermetti solo raramente: uno vivo ogni 2/3 gg.
Il più lungo che ho osservato (circa 1 cm) sembrava avesse testa e coda neri.

Capisco che fare una diagnosi con dati e indicazioni così approssimative risulta difficile ma vorrei capire se fosse possibile che si tratti di un altro parassita, vista anche la presenza di questi "chicci" che non trovo in nessun caso associato nella ricerca web sugli ossiuri.
Premetto inoltre che mi sembra di non aver riscontrato vermi nelle feci fino ad ora, se non nel wc.
Può trattarsi di vermi dello scarico?
In attesa dell'evolversi dopo le due settimane di trattamento e, nel caso, di un eventuale esame delle feci, vorrei sapere se sono contemplate altre possibilità appunto.

Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione! Buon lavoro!
Cordialmente

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente il problema ci sta con l’infestazione da ossiuri, se fossero parassiti dello scarico dovrebbe vederli anche scaricando senza evacuare, la terapia è giusta, alle volte deve essere ripetuta ulteriormente.
L’infettivologo è lo specialista più idoneo se non dovesse riuscire a debellarli.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza