Utente
Da qualche anno soffro di colite ulcerosa (prima colite aspecifica, poi lieve e circoscritto edema della mucosa del retto e del sigma distale, per ultimo (da 15 giorni) colite ulcerosa.
La prima cura è stata fatta con clipper clisma in quanto l'Asacol poteva causare allergie perchè io intollerante agli antinfiammatori. Da circa una settimana ho preso l'Asacol superando la paura dell'allergia. Ancora non so se andrò bene, mi sembra di intravedere qualche miglioramento.
Quel che mi chiedo: ho fatto diverse ricerche e tutte parlano di diarrea; in realtà io potrei dire di non aver mai avuto diarree vere e proprie. I miei disturbi sono quelli del dolore al basso ventre e quanto vado al bagno le feci (sempre puzzolenti) sono mucose viscide e qualche volte con striscie di sangue (c'è da dire che soffro anche di emorroidi).La ricerca occulta di sangue e della salmonella hanno dato esito negativo. Grazie a Dio anche i ripetuti esami istologici sno stati negativi.
Potete delucidarmi un po' meglio sulla situazione? Circa la dieta, tre gastroenterologhi che mi hanno fatto la colonscopia, interpellati in merito, mi hanno riferito che per la mia malattia non c'è una dieta specifica nel senso che qualsiasi alimento può o nofarmi male, è vero?.
Vi ringrazio e vi chiedo anche se potete aggiustarmi la terapia migliore.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La rettocolite ulcerosa (RCU) è caratterizzata da una condizione di infiammazione della parete intestinale del colonretto , ovvero del tratto terminale dell'intestino,il decorso è tipicamente cronico, caratterizzato da fasi acute spesso intervallate da periodi più o meno lunghi di remissione della sintomatologia. Il dolore addominale è quasi sempre il sintomo prevalente, può essere diffuso o localizzato in alcune zone a seconda dei tratti intestinali maggiormente infiammati. Spesso sono presenti anche febbricola, dimagramento, inappetenza, stanchezza. Quasi sempre vi è diarrea o comunque feci di consistenza molle, con evidente presenza di sangue e muco; le scariche per lo più si presentano molte volte al giorno, specie nelle fasi più acute della malattia. Non sono necessarie particolari limitazioni dietetiche durante i periodi di remissione, ma si consiglia comunque una dieta particolarmente varia e con cibi ben digeribili e tollerati dal paziente. Da sconsigliare invece il fumo, che peggiora l'andamento della RCU, e moderare le bevande alcoliche. La condizione di stress psicofisico e gli stati d'ansia sono stati per lungo tempo ritenuti in qualche modo concausa dell'insorgenza della RCU o della riacutizzazione, ma attualmente il loro ruolo è stato molto ridimensionato.Saluti Dott. Giuseppe D'Oriano
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com