Utente
Buonasera dottori, sono una ragazza di 18 anni.

Circa due anni fa, ebbi la formazione di un rigonfiamento dolente (grandezza di una noce) sul gluteo, esso dopo qualche giorno scoppió, andando a rimarginarsi.
Ma arriviamo ad oggi, qualche mese fa mi resi conto di sentire qualcosa di bagnato in mezzo ai glutei, tipo acqua lucida, andando a toccarmi mi resi conto di avere una fossetta all’inizio del solco dei glutei.
Trovandomi zona rossa, decisi di non recarmi dal medico curante fino ad oggi... il quale trovó il forellino sopra completamente cicatrizzato, ma trovò una piccola fistolina perianale.
In tutto ciò lui vuole attendere che il canale si svuoti completamente e dopo di che agire con dell’antibiotico, poiché lo ritiene utile per la guarigione.
Dottori la mia domanda è, questa terapia può essere utile per una fistola di piccolissime dimensioni?
Oppure affievolisce temporaneamente la situazione?
Non vorrei che la cosa si aggravi.
Sono molto preoccupata, attendo vostre risposte.

[#1]  
Dr. Gianluca Carpentieri

24% attività
8% attualità
12% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Guardi la terapia antibiotica da sola non è sufficiente a determinare la scomparsa di una fistola perianale se la sua presenza è confermata. La terapia può risolvere il sintomo dolore o infezione e quindi può determinare la remissione portando da una fase acuta ad una cronica,, appunto la fistola perianale.
Comunque le consiglio una visita chirurgica o coloproctologica.
Cordiali Saluti
Dott. Gianluca Carpentieri

sito internet : www.ospedalerc.it

[#2] dopo  
Utente
Dottore, cosa significa fase cronica?
L’inefficienza della cura antibiotica vale anche per fistoline di piccolissime dimensioni???

[#3]  
Dr. Gianluca Carpentieri

24% attività
8% attualità
12% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Il problema è la causa il tramite fistoloso che lei vede dovrebbe avere alla base una comunicazione con il retto. Ripeto la terapia antibiotica risolve il problema infettivo non fa guarire. Fermo restando che ci sono pazienti nei quali il tramite fistoloso può rimanere silente per anni senza mai infiammarsi
Cordiali Saluti
Dott. Gianluca Carpentieri

sito internet : www.ospedalerc.it