Utente
Buongiorno a tutti,
sono un ragazzo di 39 anni in lista di attesa per essere operato di ragade anale (operazione prevista all'incirca a febbraio, COVID permetendo... ) .

Dall'ultima visita del proctologo la ragade ha "cancrenizzato" pertanto necessita intervento chirurgico.

Durante le mie defecazioni a volte, quando spingo, la mia ragade sanguina.
Praticamente per controllarla ed eessere sicuro che sia lei a sanguinare tra una
spinta e l'altra inserisco un dito nell'ano e spingo.
A volte quando la defecazione si fa dificoltosa il dito si sporca di sangue chiaro.
Ripeto l'operazione piu volte.

Anche a defecazione terminata, inserisco il dito e spingo forte e la punta del dito si sporca di sangue.
Questo mi fa presupporre che sia la ragade a sanguinare.

Ieri sera però è successo una cosa: ieri mattina ho ispezionato il retto comn il dito in maniera unpo ossessiva compulsiva e la ragade ha sanguinato.

Alla sera sono tornato al bagno e ho espulso solamente un grumetto di muco con striature di sangue.
Io soffro di colon irritabile (ho fatto colonscopia nel 2015) e sono abituato al muco nelle feci
e quando mi trastullo con il dito espello sempre del muco solitario (cioè senza feci).
Penso che questo muco sia reazione del trauma meccanico del dito (irritazione del canale anale).

La cosa che mi spaventa è che era striato di sangue.

Secondo voi: il muco striato di sangue è stato la combinazione del muco generato dal trauma meccanico e dal sangue della ragade?

Dopo il grumetto ho fatto un pezzetto di feci ma era pulito senza muco e senza sangue.

Da una settimana inoltre avverto del fastidio alla fossa iliaca dx che si sposta su e giu ed è intermittente nel senso che non c'è sempre (sono stato operato di apendicite nel 2010)
Sono un po spaventato che possa essere un polipo o peggio a sanguinare.

Cosa ne pensate?

Grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Al momento l' unica ipotesi valida è la ragade e le emorroidi, come le avevano già diagnosticato.
A distanza non è possibe dirle altro se non quello di evitare autoesplorazioni.
Se questo non basta a placare la sua ansia si faccia rivisitare.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com