Utente 119XXX
Gentili MediciItalia,
mio padre affetto da adenocarcinoma dell'ano-retto basso (biopsia positiva in tal senso a febbraio 2009) ha fatto biopsia di controllo (giugno 2009) chhe risulta essere totalemente negativa. Ci hanno consigliato una biopsia piu' profonda da fare con rettoscopio rigido..sono sconcertata da tale risultato.. cosa ne pensate ?
grazie infinite

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Non è chiaro il problema: suo padre è stato sottoposto a terapia? se si quale? E' difficile esprimere un parere senza questi dati. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 119XXX

GENTILE DR FAVARA, ha ragione mi sono dimenticata nella fretta di scrivere che mio padre e' al 5° ciclo di terapia con oxiloplatuno e capecitabina con prospettiva (che ci demoralizza tutti specie lui ovviamente) di intervento demolitivo tipo miles.. non fa redioterapia perche' avendo rilevato delle metastasi cutanee zona pelvica( ora teoricamente scomparse con la chemio) i medici hanno ritenuto fosse troppo vasta la zona da irradiare..forse dicono la fara' dopo la chemio.. mi sto informando per vedere se possibile fare un intervento nn demolitivo..
posso gentilmente chiedere il suo parere ? mi hanno consigliato il dr Carlo Sartoti di treviso, in tal senso..
la ringrazio di cuore in anticipo
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Ora è piu' chiaro.
E' certamente possibile che la chemioterapia abbia determinato la scomparsa della neoplasia anche se il consiglio dei colleghi mi sembra piu' che corretto.
La necessità di ulteriori terapie ed il tipo di intervento puo' essere definito solo personalmente dai colleghi che seguono il paziente.
Non conosco il collega che cita, a meno che si riferisca al Dott. Carlo Sartori che lavora a Castelfranco Veneto ed è sicuramente competente, come per la verità tanti altri.
Mi permetto infine di aggiungere che la eventuale indicazione ad eseguire un intervento 'demolitivo' nasce dalla necessità di prioritaria importanza di eseguire un intervento oncologicamente corretto, è quindi sempre una scelta dettata dalla necessità. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente 119XXX

Egregio dr Favara, la ringrazio per la celerita' e la chiarezza della sua risposta.
Mi permetto di chiederLe ancora questo, nn essendo competente in tali problematiche .. come si fa a sapere se la neoplasia e' scomparsa del tutto ? ovvero con che esami .. e se fosse davvero cosi' perche operare specie in maniera demolitiva ??
la ringrazio tanto.
cordiali saluti

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
La risposta a questo quesiti è complessa, in sintesi, la certezza si puo' avere solo con l' esame istolgico del pezzo asportato, quindi, attualmente, in genere, anche in presenza di malattia apparetemente scomparsa dopo chemio (e radioterapia), si ritiene indicato eseguire l' escissione chirurgica, nel modo piu' conservativo possibile, rispettando i criteri istologici.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#6] dopo  
Utente 119XXX

grazie di cuore dr.Favara..
le sue risposte per me sono preziose.
cordiali saluti. F

[#7] dopo  
Utente 119XXX

gentile dr. Favara sono di nuovo a chiedere il suo gentile consulto, se puo'..
Mio papa' ha fatto in data 26.06 la RM addominale sup e inf con scavo pelvico.
ebbene, al di la di "lieve e diffuso ispessimento parietale in sede di ampolla rettale con evidente impregnazione post contrastografica in quadro peraltro di non sicuro significato patologico. Non evidenti patologiche alterazioni di segnale pre e post contrastografiche dei tessuti molli circostanti. prostata disomogenea ingrandita a contorni conservati. libere le fosse ileo ischio rettali... ecc"
TUTTO IL RESTO DEL REFERTO E' ASSOLUTAMENTE NEGATIVO.
il medico che ha refertato la RM mi ha detto che se nn ci fosse il sospetto clinico - (sospetto ? mio padre e' al quinto ciclo di chemio !.. credo abbia detto cosi' causa ultima biopsia, in quanto anche questo medico sa che mio padre fa chemio..) - direbbe che mio padre non ha praticamente niente. ha consigliato anche lui un' altra biopsia..
dottore cosa ne pensa ? sono sconcertata e nn so nemmeno cosa dire al mio papa'..
grazie di cuore

[#8]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Per quanto valutabile a distanza, mi sembra le cose stiano andando per il meglio considerata la situazione pretrattamento.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#9] dopo  
Utente 119XXX

spero tanto Dottore :-).
grazie ancora