Utente 116XXX
Salve Dottore.
A 14 anni mi spuntò per la prima volta un rigonfiamento vicino l'ano, esterno.
Oggi che ho 18 anni, è riaccaduto, sullo stesso punto, e la dimensione e forma era la stessa della precedente.
Il medico ha constato che è un emorroide.

Non sanguina, ma provoca un dolore immenso specie se stringo.

Il dottore mi ha prescritto una crema "preparazione h" e pasticche "arvenum 500". Dopo 3 giorni si è quasi sgonfiata, non provocando più dolore.

Il dottore mi ha sconsigliato caffè, che non bevo quasi mai, e peperoncino, che non posso farne a meno!
L'ultima volta che mi è tornata l'emorroide, mi lavai per bene l'ano (il giorno prima mangiai spaghetti con sugo e peperoncino), poi quando stetti seduto per fare gli esami di maturità (6 ore), notavo questo piccolo bruciore, tornato a casa si era già gonfiato.

Il peperoncino lo mangio molto spesso, e proprio questa volta doveva provocarmi questo problema?
O il problema è che non mi sono lavato a dovere?

Dottore che mi consiglia per non far tornare più il problema?
Mi consiglia inoltre di fare un'operazione?

Grazie, saluti.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
L'igiene intima e' ovviamente molto importante, ma anche certi cibi possono scatenare una crisi emorroidaria: il famoso peperoncino, ma anche il pepe, le spezie in genere, il cioccolato e le grandi quantita' di pomodoro.
Dal proctologo ci dovrebbe andare per capire se si tratta di una trombosi emorroidaria (me lo suggerisce la forma che lei descrive e il forte dolore che prova) oppure di emorroidi vere e proprie: solo dopo si potra' pensare all'eventuale terapia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com