Utente
Ho sempre, fin da piccola, avuto problemi stitichezza...e quando sento il bisogno di andare di corpo, il più delle volte faccio molta molta fatica e mi ritrovo a dover "spingere" quasi inutilmente.
Anche questa mattina mi sono ritrovata in questa scomoda situazione...ho cercato di spingere un pochino, ma senza esagerare e poi, di aiutarmi in qualsiasi altro modo per potermi aiutare...a tutto questo si è accompagnato un sanguinamento e la mia successiva sensazione di "non aver terminato" la mia operazione di defecazione.
A questo punto mi chiedo...cosa posso fare per potermi liberare del tutto?! Un clistere potrebbe essere utile?! E, inoltre, per non ritrovarmi più in queste situazioni cosa potrei assumene, in modo da poter tenere le feci piuttosto morbide ma che non crei dipendenza?!

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
cara Utente, il rimedio "fai da te" alla lunga puo essere controproducente, le consiglio di eseguire una visita specialistica.
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua celere risposta.
Saluti

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
le feci particolarmente secche e dure non facilitano la defecazione, costringendo il paziente a sforzi spesso notevoli che alla lunga possono persino portare alla luce alcune patologie tipiche di questa condizione, come emorroidi e ragadi anali. E' pertanto necessario prima di tutto agire alla fonte, aumentando notevolmente il consumo di acqua, di verdura cotta, e di tutti quegli alimenti che le consentiranno intanto di rendere le feci piu' morbide.
Allo stesso tempo, come giustamente consigliatole dal Collega, e' opportuno che prenda appuntamento con un Chirurgo Proctologo al fine di accertare la diagnosi; e anche con il preciso scopo di escludere ogni eventuale patologia funzionale del pavimento pelvico che potrebbe causarle questa fastidiosa sensazione di svuotamento incompleto.
Alla fine, ma soltanto quando la diagnosi sara' stata posta, potra' iniziare la corretta terapia al fine di eliminare il sanguinamento anale; e allo stesso tempo potra' essere data una risposta appropriata alla sua richiesta se sia utile o meno un clistere evacuativo; o se invece, messi in atto i consigli dello Specialista, magari non sara' piu' necessario fare altro...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com