Utente
Salve, io mi trovo ad affrontare un problema: ho 32 anni e questa è la seconda volta che soffro di emorroidi; la prima volta, circa 6-7 anni fa, sono bastati 2 giorni di pillole (non ricordo, forse daflon) e pomata (ruscoroid), ma era giusto un accenno; la loro insorgenza fu determinata da i miei problemi di defecazione.
Questa volta apparentemente non c'è stata nessuna causa traumatica, e 3 giorni fa sono sorte di nuovo, in modo molto più doloroso e al tatto sembra anche più grande e nonostante i consigli del medico riguardo un delicato massaggio per farla rientrare riscontro l'impossibilità a nel riuscire a spingerla delicatamente verso l'interno.
Il medico mi ha consigliato una terapia di arvenum 500 (6 al dì per i primi 5 gionri, poi 4 al dì per altri 5 giorni e poi 2 al dì per altri 5 giorni), unitamente alla pomata ruscoroid.
Poichè la mia prima esperienza in merito fortunatamente fu molto blanda non ebbi modo di approfindire, vorrei informazioni in merito a cosa fare per evitare l'aggravarsi e in merito ai tempi di risposta della terapia.
Ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La terapia che sta facendo e' quella in genere piu' adatta per ridurre i fastidi derivanti dalle emorroidi. Tenga presente che questa patologia, se e' confermata da un visita Proctologica, di solito si puo' annullare soltanto con una soluzione chirurgica. La terapia puo' appunto ridurne gli effetti, ma non eliminarle.
Sottoporsi o meno ad intervento? Dipende da quanto funzioneranno i farmaci: se il controllo risultera' soddisfacente potra' anche rimandare, ma se i risultati sono pochi o nulli le conviene recarsi da uno Specialista e chiedere un parere "dal vivo" per valutare appunto che opportunita' possono esserci nel suo caso per un trattamento definitivo.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com