Utente 569XXX
Buon Giorno,
Ho 31 anni e questa è la seconda volta, nel giro di un anno, che ho l'acne. Da premettere che non ho mai sofferto di questa problematica da ragazzina. Sotto consiglio del dermatologo a Dicembre 2018 ho iniziato la cura con prodotti ad uso tipico e ho assunto anche il Miraclin per ben 3 mesi (finito a Maggio 2019). Sembrava tutto apposto, ho continuato ad usare creme per il mantenimento e sOno stata davvero attenta ad applicare creme solari specifiche e a non truccarmi il volto, ma ad estate passata.. . . . DI NUOVO ACNE. Torno dal dermatologo disperata e rinizio il tram tram delle creme, dei rossori e delle spellature. Io ginecologicamente sono apposto e recentemente ho controllato la tiroide con gli appositi esami del sangue e nessun problema. Mi consigliate di fare anche un ulteriore controllo ormonale (lo scorso anno la mia ginecologa mi ha fatto fare il controllo di LH FSH testosterone e DEHA ed era tutto nella norma. È bene che io li ripeta? Se si aggiungo qualcos altro? Qualcuno sa consigliarmi qualcosa? Ci deve essere una spiegazione logica a tutto questo. Grazie mille

[#1]  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
L'acne tardiva femminile è spesso ormonale ma con questo non significa che ci siano alterazioni macroscopiche degli ormoni:

L'acne difatti è un processo ormono-recettoriale
veda approfondimenti in
www.acne.roma.it

Per il resto sappia che la buona notizia è che l'acne di ogni genere e tipologia può essere curata con successo ma per farlo occorre avere un quadro chiaro della situazione.

Proceda quindi con il nuovo approfondimento dermatologico e non effettui esami a caso.

saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Dir. Centro Latuapelle Roma
Venereologo, Dermoncologo, Dermochirurgo, Tricologo
www.latuapelle.it