Utente
Buonasera gentili dottori,
Chiedo un consulto sulla bontà di una cura prescrittami.

Ho 35 anni e non ho mai sofferto di acne; da circa 1 mese e mezzo portando la mascherina 10 ore al giorno (chirurgica o ffp2 alternate) ho sulle guance in basso vicino la bocca uno sfogo di acne (diagnosticata come polimorfa).
Premetto che il dermatologo mi dice che L acne da mascherina non esiste (e nemmeno L acne da stress),
Mi è stato prescritto:
Antibiotico Homer due al giorno
Antibiotico Bassado due al giorno
Gentalin al mattino e clindamicina same gel la sera.


Volevo sapere:
Ma una cura così basata su antibiotici è corretta?

Sinceramente sono molto titubante, anche perché sono appena uscita da una candidosi curata erroneamente con antibiotici e non vorrei ricaderci.


Esistono cure alternative?

Mi e stato anche prospettato un ovaio policistico da curare con la pillola.
Ma non ho intenzione di andare su questa strada

Grazie per il consulto che vorrete darmi

[#1]  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente, non c’è una terapia giusta o sbagliata per l’acne, ma una terapia personalizzata: pertanto la cura deve passare per un preciso algoritmo diagnostico terapeutico e non può essere certo decisa a tavolino o a distanza. Solo il suo dermatologo conoscendo il suo caso potrà prescrivere le migliori terapie topiche sistemiche e anche strumentali per approcciare con successo questa patologia.
Per ulteriori informazioni può leggere nel sito www.acne.roma.it
Dott.Laino
Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it