Utente
Buongiorno, negli ultimi tre mesi ho avuto un calo ponderale di 10 kg, poco appetito e appena mangiavo un boccone mi sentivo sazio,
medico mi ha fatto fare una gastroscopia, esami sangue ed ecografia addome.
la gastroscopia ha trovato una gastrite, mentre l'esame del sangue una glicemia a 193 ed emoglobina glicata a 6, 2.
Ferro, ves, Proteina C reattiva, transaminasi creatinina proteine per elettroforesi ed eletttroforesi sieroproteica nella norma, emocromo tutto nella norma mentre una ferritina a 789
'ecografia invece: meteorismo diffuso e abbondante che maschera la regione epimesogastrica, con tale limite non parrebbe osservarsi la presenza di massa epigastrica
Aorta addominale con decorso regolare, Fegato lievemente aumentato di dimensioni con ecostruttura diffusamente ed omogeneamente ipercogena per steatosi
vie biliari non dilatate
Colecisti distesa contenente numerose formazioni litiasiche nel suo lume in particolare a livello preinfundibolare
non alterazioni ecostrutturali a carico di reni e della milaz
non versamento endoaddominale.
esami fatti e ritirati in questi giorni
dimenticavo che ho anche sintomi di stanchezza, , , ho ipertensione curata con sequor 10 mg e giant 40 mg e per il diabete prendo slowmed 700 (dovevo andare a fare visita dal diabetologo, ma per via covid è stata rimandata).

ho fatto visita chirurgo che mi ha detto di togliere i calcoli alla cistifelia anche se non ho nessun dolore.

questa ferratina così alta a cosa potrebbe essere dovuta?

[#1]  
Dr. Vincenzo Favale

20% attività
16% attualità
0% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
L'iperferritinemia è dovuta di solito ad un processo infiammatorio in atto. I valori non sono tali da destare preoccupazione. Consiglio monitoraggio nel tempo.
Dr. Vincenzo Favale

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio Dottore, cè un modo per cui si abbassi?

[#3]  
Dr. Vincenzo Favale

20% attività
16% attualità
0% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
E' possibile ridurre la ferritina intervenendo sulla causa infiammatoria.
Dr. Vincenzo Favale