Utente 637XXX
ho iniziato a prendere la pillola a 18 anni, per regolarizzare il ciclo, quando ho avuto problemi di forte ritenzione idrica, ho smesso. dopo qualche tempo la ritenzione è passata. L'ho presa per una seconda volta ed ho avuto lo stesso problema; morale, mi sono "sgonfiata" dopo circa due anni e mezzo. Per una terza volta, ho fatto un tentativo (nel frattempo ho provato tutte le pillole che man mano, uscivano in commercio, poi erotti ed annelli inclusi); dopo soli 4 mesi di assunzione, avevo già preso 10 kg.. ora sono trascorsi di nuovo, più di due anni e non riesco a sgonfiarmi...non sono serviti sport o il bere molta acqua.. quale può essere il problema? la tiroide?

[#1]  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
VIAREGGIO (LU)
CARRARA (MS)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
L'estroprogestinico viene metabolizzato rapidamente dall'organisno e già dal mese successivo alla sospensione, le correlazione ipofisi- ovaio si ristabiliscono con il conseguente "ripristino" della fertiltà
E' vero che la "pillola" è responsabile di ritenzione idrica durante la sua asssunzione, però è difficile pensare che l'azione del farmaco duri per periodi così lunghi, come quelli da lei riferiti, dopo la sospensione
La risoluzione del problema va ricercata a "braccio" in cambiamento di stile di vita.
Però deve consultare il suo medico su quale strategia seguire
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#2] dopo  
Utente 637XXX

Gentile dottor Gentili,
ho sempre fatto vita abbastanza sedetaria, ma quando ho deciso di intervenire con la palestra, non c'è stato alcun miglioramento per quanto concerne la forma fisica ed il peso, che al contrario, è aumentato per l'aumento di massa.
Preciso anche che ho sempre "sofferto" del problema opposto, ossia del sottopeso. Fino alla prima assunzione di pillola, a 18 anni, pesavo 38/39 kg, per 1.60 di altezza. L'ultima volta, due anni e mezzo fa, appunto, pesavo 45 kg. Ora 55, con pessima distribuzione del grasso, concntrato sulla parte inferiore del corpo.

[#3]  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
VIAREGGIO (LU)
CARRARA (MS)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Quello che volevo dirle è che la causa del suo stato non è da ricercare nell'azione del farmaco preso per qualche mese e sospeso da due anni ma eventualmente in cambiamento metabolico che potrebbe essere legato a cause più complesse quali fattori endocrinologi come da lei ipotizzati o alimentari.
Consulti il suo dottore ed eventualmete un endocrinologo
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#4] dopo  
Utente 637XXX

Gentilissimo dottore,
vorrei chiederle un altro parere, approfittando della sua disponibilità.
Relativamente al fatto che ho sospettato problemi alla tiroide e che lei mi dice di non escludere. Qualche giorno fa l'Associazione sarda Tireopatici si è recata al mio paese e gratuitamente, ha sottoposto la popolazione ad uno screeneng (se non erro, così si chiama il controllo del collo tramite macchinario, simile ad un'ecografia). mi hanno detto che era tutto nella norma. La mia domanda è questa: questo controllo è sufficiente per capire che non ho problemi alla tiroide? E' attendibile al 100% o con gli esami del sangue appositi potrei scoprire qualcosa che il macchinario non rivela?.
Grazie anticipatamente.

[#5]  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
VIAREGGIO (LU)
CARRARA (MS)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gli esami di screening fanno parte della medicina preventiva vengono effettuati su una popolazione sana e servono ad individuare malattie iniziali o situazioni che se non corrette possono portare a malattia. Abbiamo screening di tanti tipi, i più conosciuti sono quelli che servono a prevenire le malattie tumorali( mammella, utero, intestino) ma ve ne sono tanti altri che riguardano i settori più disparati della medicina. Lo screening per la prevenzione delle malattie tiroidee viene di solito effettuato nelle zone così dette gozzigene e serve per individuare e curare in fase precoce gozzi, adenomi o tumori.
Uno screening pertanto "guarda" persone senza alcun sintomo di malattia.
Nel suo caso invece è necessario, mio avviso, che si rivolga al suo medico o ad uno specialista che valuti la sua situazione metabolica anche attraverso esami ematologici compresi quelli di funzionalità tiroidea
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#6] dopo  
Utente 637XXX

carissimo dottore,
mi ha tolto un enorme dubbio... mi conferma che dopo questo screening, comunque non è inutile fare altre analisi di controllo per la tiroide... le farò senz'altro e la ringrazio immensamente per la disponibilità!

[#7] dopo  
Utente 637XXX

ho effettuato le analisi per la tiroide.
gli esiti sono:
ft4 8.8
ft3 3.3
tsh 1.07

mi sembra di capire che sia tutto a posto. dal lato della mia ingoranza in materia, l'unico agente possibile per questo peso anomalo, non mi pare possa essere altro che un'intolleranza alla pillola..