Utente
Salve, vorrei chiarirmi un dubbio e cioe' che significa che nel glucophage o nella metformina generica nel foglietto illustrativo leggo metformina cloridrato 500 pari a 390 mg di metformina base mentre nel metforal si trova la scritta 500 mg di metformina cloridrato (interi) e non 390 mg quindi è una dose minore o meno assorbile perche' non sono 500mg interi? Qualcuno puo spiegarmi??

[#1]  
Dr. Tommaso Vannucchi

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
i composti da lei citati hanno tutti lo stesso dosaggio di metformina base
Tommaso Vannucchi

[#2] dopo  
Utente
ma allora se sono 390 mg di metformina perchè si chiama 500 gli altri 110 mg di cosa sono composti

[#3]  
Dr. Tommaso Vannucchi

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
il sale di metformina cloridrato corrisponde a 390 mg di metformina "pura"
Tommaso Vannucchi

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dr.Vannucchi,ho posto tali domande perche' ho effetti diversi con ciascun di essi e non mi spiego come sia possibile visto che si tratta dello stesso principio, ad esempio col metforal ho sonnolenza e mi addormento molto facilmente la sera e anche stipsi, mentre col glucophage ho gli stessi effeti di come quando non assumo il farmaco cioè insonnia, molta meno stipsi, e piu'diffolta' nel dimagrire.. cioe' è come se il mio stomaco assorbisse meglio il metforal, e il glucophage invece no, lasciandomi l'insulina alta con tutte le sue conseguenze, cosa che non avverto col metforal.Premetto di non essere diabetica ma di avere l'iperinsulinemia da cisti ovarica per cui come si puo' spiegare quello che mi accade cambiando da metforal a glucophage

[#5]  
Dr. Tommaso Vannucchi

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
la diversità dipende miolto dal composto farmaceutico in cui è possibile la variabilità dell'assorbimento del farmaco
Tommaso Vannucchi