Utente 405XXX
Salve dottori , è un po di tempo ho un problema che mi fa stare male e innervosire , in pratica in concomitanza con vari malesseri fisici , come perdita di peso immotivato( 7-8 kg) , stanchezza ed altro non riesco piu a digerire quello che mangio , è che come digerissi una parte del pasto e l'altra rimane lì a fermentare o stazionare per ore e ore creando vari problemi , basta pensare che ho dovuto smettere di fare palestra perche durante gli allenamenti avevo 0 forze e questo fastidioso stomaco non vuoto e una sensazione strana all'addome , insomma non mi sento leggero come prima , basta pensare che prima dopo max 2 ore lo stomaco mi faceva sì male, ma perche era già vuoto e avevo fame ora dopo 5 ore mi ritrovo con una digestione immobile , da lì vari controlli visto che avevo sempre tachicardia e soprattutto dopo aver ingerito del cibo.Col dottore ho fatto vari controlli , dove risulta sempre alto il valore Acth superiore alla norma di 4-5 volte , ho fatto anche una gastroscopia dove risulta una gastrite cronica con presenza di H Pylori , dopo la cura con antibiotici e nexium sembra che i tachicardia che mi devastavano durante il giorno si sono ridotte fino a scomparire ma il problema digestione rimane , noto che da quando ho questo problema le feci sono molto strane , sul gialliastre/arancio con presenza di cibo ed elementi che a me sembra di non aver ingerito , ed altri particolari .

durante la gastroscopia mi hanno fatto anche delle biospie e questi sono i risultati istologici:

1)Mucosa gastrica di tipo pilorico e pertinente alla zona di transizione oxintico-pilorica sede di lieve gastrite cronica focalmente attiva con presenza di follicolo linfonoide e iperplasia foveolare.
2)Mucosa gastrica di tipo oxintico sede di lieve gastrite cronica.
3)Mucosa duodenale caratterizzata da:

-presenza di vili di aspetto normale talora con lieve atrofia ( rapporto villo/cripta pari a 2:1)
-enterociti di superficie di altezza normale con nuclei e brush border bene e evidente
-infiltrato linfocitario intraepiteliale nella norma
-aumento del numero delle mitosi delle cripte ghiandolari
-cellularità della lamina propria nella norma con congestione di capillari

Il quadro morfologico presenta compatibile con un aspetto del tipo cd iperplastico della mucosa duodenale non è esclusivamente legato al glutine e pertantola diagnosi conclusiva richiede una correlazione con i dati clinici anticorporali a dieta libera , in risposta alla dieta prima di glutine ed infine eventualmente dopo challenge.


cosa vuol dire che non si sa se sono celiaco? spero in un vostro aiuto ,grazie.

[#1]  
Dr. Marco Marino

20% attività
4% attualità
4% socialità
UDINE (UD)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
Il referto istologico non ha significato (nel suo caso). Per escludere una celiachia deve eseguire: dosaggio IgA sieriche e Ab antitransglutaminasi IgA.

[#2]  
Dr. Claudio Toscana

20% attività
0% attualità
4% socialità
SACROFANO (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Concordo con il Collega. L'esame istologico è suggestivo di una banale gastrite, a meno che il dosaggio di IgA sieriche e Ab antitransglutaminasi IgA non dimostri una possibile celiachia.
Claudio Toscana
Chirurgo - Coloproctologo

[#3] dopo  
Utente 405XXX

Grazie dottori

solo per curiosita e togliermi questo dubbio , volevo chiedervi se esiste un test per vedere se ho problemi di assorbimento di quello che mangio , non sò un test delle feci? si vede se ci sono i 3 macronutrienti non digeriti? grazie mille