Utente
Buonasera,
Sono una ragazza di 21 anni. A novembre ebbi un forte male allo stomaco che poco dopo si tramutó in un forte dolore alla fossa iliaca dx concomitante con un dolore a coscia e inguine dx. Feci immediatamente una visita dal medico di base che effettuó palpazioni e mi disse che si poteva trattare o di appendicite o di colite.
Feci il giorno dopo una ecografia addominale completa nella quale venne riscontrato un lieve ispessimento dell'appendice. Non avevo febbre, ne nausea, ne dissenteria.. Nulla.. Solo un forte dolore addominale. Il chirurgo disse che non era il caso di operare e che mi avrebbe tenuto in osservazione per un giorno per vedere se regrediva o peggiorava.
Esami del sangue completi tutti perfetti, idem gli esami delle urine.
Giorno dopo giorno il dolore é scomparso. Ho fatto per qualche settimana una dieta in bianco.
Tuttavia il dolore all'inguine e all'anca si ripresenta periodicamente! In alcuni giorni più acuto di altri. Ho notato che se mangio qualche schifezza in più o sono un po' tesa o faccio qualche sforzi il dolore è più acuto. Premetto che nel luglio 2010 ebbi un attacco di panico e da quel momento credo di avere avuto un riscontro psicosomatico a livello intestinale. Io Sono sempre stata molto stitica e lo sono tutt'ora, non ho avuto episodi di dissenteria mai in questi mesi. Sarà capitato di avere feci leggermente più molli in certe occasioni di stress.
Io mi sto un po' tormentando e mi sento un pochino ipocondriaca, peró vorrei capire se questo dolore alla gamba è associato al mio intestino oppure no.
Ho paura di avere qualcosa! Come faccio a non essere più stitica!? Ho notato che in corrispondenza con le evacuazioni la gamba ha un attimo di sollievo.
Spero possiate rassicurarmi in qualche modo.
Cordialmente

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
il dolore irradiato all'inguine può essere di pertinenza viscerale, come sottolineato dal suo medico.
Probabilmente la correzione della stipsi con il ripristino della regolare attività intestinale si accompagnerà alla scomparsa del disturbo.
Per completezza è consigliabile anche un controllo ginecologico.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
La mia ultima visita ginecologica risale ad ottobre e l'ecografia era perfetta. Da quell'ultimo controllo cominciai ad assumere una nuova pillola. L'unica che fino ad oggi non mi ha dato apparentemente nessun effetto collaterale. Si chiama Lucille. Prima di queste ne ho cambiate 4 nel giro di un anno e mezzo.
Ma perché non ho male alla pancia ma solo all'unguine e coscia?
La ringrazio.