Utente 426XXX
Mi chiamo Daniela, ho 45 anni sono sposata da 18 e senza figli.
Sono stata operata due volte per endometriosi.
Mi hanno tolto le ovaie ed un tratto di intestino interessato dalla malattia insieme alla valvola ileo cecale.
(stavo male da due anni ma nessuno aveva capito che avevo una ostruzione intestinale e mi hanno salvato in extremis).
Non sono riuscita ad avere figli ma ho avuto solo 1 gravidanza finita male con aborto e raschiamento al 3 mese… Ma questo è un capitolo a parte troppo lungo e doloroso per parlarne qui ed adesso.
Sarà un capitolo a parte.

Da circa due anni sono in menopausa chirurgica, ma i miei guai non sono finiti... .
Ora sono afflitta da dolori dovuti ad aderenze, intensi bruciori vaginali costanti, alcune cistiti e vaginiti.

Soffro spesso di vaginiti dovute probabilmente a candidosi e secchezza vaginale (dico “probabilmente” xchè non riesco mai ad essere idonea a fare un tampone in quanto prendo sempre antibiotici) ho usato vari prodotti, Ganazolo, Ginocanesten, Diflucan e così via. Il beneficio c'è, ma dura poco.

Per la secchezza vaginale ed i bruciori ho usato tutte le creme lubrificanti in commercio senza ottenere alcun effetto da una settimana sono riuscita a farmi prescrivere una crema a base di estrogeni per via vaginale da mettere solo due volte a settimana. Per la mia endometriosi al IV stadio non è proprio consigliata.
Ma al momento neanche questa fa effetto….
Rapporti sessuali naturalmente nulli…

* * * * *

Ora il problema più urgente è questa cistite che dura tra miglioramenti e peggioramenti da circa tre mesi.
Ai primi segni di cistite a fine agosto ho preso 3 giorni il Ciproxin, ma poiché non dava risultati sono passata all’Unidrox 600 per altri 10 giorni.

Non vedendo ancora benefici ho fatto una prima urinocoltura nella quale mi hanno trovato lo stafilococco aureo (300.000 colonie) e ho fatto 7 iniezioni di Gentalyn, sempre senza risultato.

Ho ripetuto a distanza di 24 ore un’altra urinocoltura nella quale, questa volta, hanno trovato la Klebsiella
s.p. (300.000 colonie) per combattere la quale ho preso 2 antibiotici in modo crociato, che sono: la mattina il Ciproxin 500 mg. e la sera l’Augmentin 1 gr.

Nessun miglioramento…

L’esame delle urine non ha evidenziato niente di anomalo, emazie nessuna.

Non ho mai avuto febbre.

Altre volte ho fatto eco vescicali e non c’era niente di anomalo.
Ho fatto anche una risonanza magnetica pelvica con contrasto ed era tutto normale.

All’inizio di ottobre ho cominciato a prendere 2 compresse al giorno di Cystoman 100 e devo dire che andava meglio e nel contempo ho sempre preso proibitici e vitamine.

Ma ecco ora dopo due mesi abbastanza buoni di nuovo la cistite…
Ho ordinato il Mannosio quello inglese della Waterfall che mi arriverà forse martedì.
Da qualche giorno prendo la mattina a digiuno anche un cucchiaino di bicarbonato di sodio che mi procura una quasi immediata diarrea (tipo acqua) , ma che sento benefica in quanto mi fa da lavaggio intestinale.

Sono in attesa di fare una cistoscopia per una sospetta metaplasia del trigono che se confermata vorrebbero bruciarmi…
Soffrendo comunque sempre di disturbi intestinali, sia post intervento e sia a causa della mia dieta sregolata, dopo aver fatto a marzo una colonscopia di controllo sono emerse ulcerette superficiali lungo l’intestino che nessuno si è mai preoccupato di curarmi. Il mio gastroenerologo dice potrebbe trattarsi di chron, il mio ginecologo smentisce assolutamente dicendo si tratta di endometriosi.
Mi chiedo visto la mia situazione, può essere dannoso assumere il Mannosio?
So che provoca diarrea e meteorismo.
Volevo un vostro consiglio.
Sempre che non mi abbiate cancellato visto la lungaggine del mio messaggio.
Scusate non sono riuscita a essere più breve…
Grazie comunque in anticipo per la pazienza e disponibilità.

[#1]  
Dr. Roberto Mangiarotti

28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2004
Gentile Utente, credo sia indispensabile arrivare ad una diagnosi di certezza delle lesioni intestinali. La malattia di Crohn necessita di trattamenti diversi dall'endometriosi e quindi un attento esame istologico e l'eventuale revisione delle biopsie di quando è stata operata diviene quanto mai opportuno. Il mannitolo o qualunque altro zucchero con effetti lassativi purtroppo possiede l'effetto collaterale di provocare aumento del meteorismo intestinale e quindi è preferibile ricorrere eventualmente ad altre categorie di prodotti.
Cordiali saluti
Dott. Roberto Mangiarotti