Utente 170XXX
Gentili Medici,
le mie analisi del sangue, da qualche anno a questa parte, mostrano invariabilmente un valore percentuale di eosinofili superiore alla norma. L'ultimo risultato (risalente alla scorsa settimana) è di 10.1% (il valore assoluto, 0.46 x 10^3/mmc, rientra invece nel range di normalità). Poiché consumo pesce crudo (sushi ed affini) con frequenza approssimativamente mensile, mi chiedevo se tali valori non potessero essere indice di un'infezione (totalmente asintomatica) da Anisakis. A quali ulteriori indagini potrei sottopormi al fine di accertare tale eventualità?
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non credo proprio che abbia l'anisakis in quanto la sintomatologia è immediata appena ingerito il "verme" sia per le sue secrezioni sia perchè si annida nelle pareti gastriche. La sintomatologia, usualmente, è intensa con nausea, vomito, dolori addominali.


Si tranquillizzi.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it