intestino/colon irritabile?

Salve a tutti sono un ragazzo di 21 anni...prima di parlare della sintomatica del problema premetto che sono un soggetto ansioso e ipocondriaco...
Presento dei sintomi a livello inguinale che mi arrecano fastidio,nel piu grave dei momenti una sensazione di infiammazzione a livello dell inguine sinistro e intestino, tanta aria e feci molto "pastose"...una settimana fa ho fatto una visita dalla urologo poiché il fastidio si protrae anche alla gamba sinistra talvolta ma sempre con sintomatica di infiammazione o fastidio, tutto ciò mi faceva pensare fosse causa del testicolo sinistro che spesso sale a livello inguinale...dalla urologia e emerso che soffro d testicolo ad ascensore ma senza nessun bisogno d intervento e che la mia problematica e a livello intestinale.
Il medico mi ha parlato d probabili problemi a un muscolo dell intestino e comunque mi ha chiesto se sono una persona nervosa.
Io ora nn ho capito effettivamente cosa mi arreca fastidio so solo che leggendo ho scoperto d avere sintomi lgati alla intestino irritabile...faccio una vita sregolata mangio male causa lavoro(lavoro in un fast food) ho notato in questi giorni che mangiare piu sano mi ha aiutato ma cmq alla assunzione d un cibo come dei peperoni fritti mi ritornano sintomi sopratutto molta aria che talvolta e paragonabile alle uova marce...mi chiedo e possibile che a 21 anni io n possa piu mangiare quello che voglio senno sto male? Può trattarsi dellintestino irritabile?
PS : ho fatto una gastroscopia l anno scorso che evidenziava un reflusso esofageo cn relativa esofagite nn grave che pero e sempre ricollegabile ad alimentazione nn regolare fumo e cmq aumenta considerevolmente sotto stress e o preoccupazione.
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,1k 2,1k 87
Una volta esclusa la patologia urologica si può pensare ad un problema digestivo ed i sintomi possono essere compatibili con una forma di intestino irritabile. Ovviamente bisogna correggere il reflusso gastroesofageo con gli opportuni farmaci ed attenersi ad un regime alimentare meno scorretto di come asserisce di avere. Ne parli con un gastroenterologo per la terapia più idonea.

Un cordiale saluto


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Posso chiederle d consigliarmi magari qualcosa d omeopatico che mi aiuti con l intestino anche magari a "sciogliere" xke ho questi sintomi ma devo dire che nn mi arrecano unnfastidio se nn in certi casi cosi grave da non poter vivere serenamente...se lei potesse. Consigliarmi...ovviamente niente d medicinale...io proverei a nn andare a fare ulteriori visite che mi arrecano sl.piu ansia del dovuto nell attesa.
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,1k 2,1k 87

Il reflusso e l'esofagite devono essere trattati con farmaci specifici (antisecretivi-IPP) comunque si può controllare l'alimentazione e lo stile di vita che possono dare sicuramente dei benefici. Le invio il link di un articolo sulla corretta alimentazione per i disturbi gastroesofagei:


https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-il-reflusso-gastro-esofageo-a-tavola.html

Mentre per il meteorismo possono essere utili prodotti tensioattivi (simeticone, carbone vegetale) o carminativi di origine naturale (infuso di semi di finocchio, tintura madre di carciofo...).

Cordiali saluti


Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa