Utente
Gentili dottori ho un dubbio che riguarda gli inibitori di pompa protonica.

Quest'anno per cercare di risolvere il problema di dispepsia che ormai mi accompagna da un annetto il medico mi ha prescritto levopraid insieme a pantoprazolo. Ho dovuto subito smettere il pantoprazolo perchè mi faceva stare davvero male. Sostituito con Lucen. Stesso problema. Ho quindi sospeso gli inibitori e sostituito gli stessi con gaviscon che non mi da problemi. Recentemente sotto consiglio del gastroenterologo e con approvazione del mio medico di base ho provato ranitidina 75 (buscopan antiacido) e si sono ripresentati subito gli stessi sintomi anche se più tenui. Cioè sento lo stomaco gonfio e pesante come se avessi un sasso nello stomaco. I muscoli dell'addome contratti e leggera difficoltà a respirare. L'intestino si gonfia e sento saltuariamente dei capogiri. Tutto questo dura circa 12 ore.
Ora mi chiedo, ma è normale che anche a dosaggi così bassi si presentino questi problemi? E' possibile che io abbia una sorta di scarsa tolleranza a questo genere di farmaci? e in ultimo secondo voi proseguendo la cura gli effetti collaterali dovrebbero scomparire come capita con altre categorie di farmaci?
Quest'anno ho effettuato una gastroscopia che ha evidenziato solo un'ernia iatale da scivolamento.
Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
No, non è normale ed in genere non succede ma occasionalmente puo' capitare.Visto l' esito della gastroscopia, la terapia con inibitori di pompa o antih2 puo' non essere necessaria peraltro. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ci può essere una intolleranza agli antisecretivi, ma nel suo caso credo anche alla luce della gastroscopia) che non ci sia necessità di prenderli. Si tratta di una "cattiva digestione" che potrebbe essere controllata con procinetici ed eventualmente prodotti per il meteorismo (simeticone, carbone vegetale).


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#3] dopo  
Utente
Gentili dottori

grazie per le risposte velocissime e precise. Parlerò con il mio curante e in ogni caso sospenderò gli inibitori. E speriamo che questa digestione si decida a ripartire.

Cordiali saluti

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Partirà .... partirà !


saluti
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it