Utente
Buongiorno, da 2 anni è stato diagnosticato a mio marito il MdC, malattia a noi completamente ignota, dall'età di 18 anni (adesso ne ha 47) ha sofferto di diarree e disturbi gastrici, nonchè di dolori articolari alle caviglie, schiena, collo, ecc; Dalle analisi eseguite allora non si era mai parlato di MdC bensì di colon irritabile (premetto che mio marito era un gioccatore di Rugby e questo fatto poteva indurre a dubbi sui dolori muscoloarticolari), finchè l'estate del 2006 si è bloccato con la schiena in um modo così violento da non poter più eseguire un passo, venne ricoverato e dopo 10 giorni di accertamenti la diagnosi: MORBO DI CHRON, da allora i medici hanno provato una terapia che finora non si è dimostrata efficace, arrivando a prendere giornalmente 50 mg di cortisone! le diarree non sono diminuite, forse peggiorate (si alza pure di notte per andare in bagno) ha raggiunto un peso di 120 Kg. (gonfissimo), la sua pressione si alza all'improviso, diventa paonazzo, gli manca il respiro, si stanca facilmente, ha freddo costantemente, le sono caduti i pelli delle gambe,è irritabile,ecc,ecc. L'ultimo episodio... è rimasto senza cortisone per un giorno e non riusciva più a muoversi da la cintura in giù, le sue caviglie non reggevano. E' possibile che non ci sia un'altro tipo di terapia che non il cortisone? Qual'è la miglior terapia? Il morbo di Chron ha diversi stadi? In che caso conviene intervenire chirurgicamente, e quali le conseguenze? Noi abbitiamo a Brescia ce' qualche Centro, Ospedale, Reparto specializzato in questo Morbo?. Vi ringrazio immensamente.

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
la terapia per la malattia di Crohn è abbastanza articolata e può essere complessa in alcuni casi, non si fonda esclusivamente sul cortisone che resta però uno dei farmaci utilizzati.
Penso che sia opportuna una valutaione globale delle condizioni di suo marito in centro specialistico.
Non ho relazioni dirette con le strutture di gastroenterologia della sua città, ma so che, oltre al centro di Endoscopia degli Spedali Civili, è presente una Unità di Gastroenterologia presso il Sant'Orsola FBF. Per ulteriori informazioni può rivolgersi all'associazione per le malattie croniche infiammatorie intestinali AMICI, presente su gran parte del territorio nazionale con una sezione anche a Brescia c/o gli Spedali Civili.
Molti auguri.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.