Utente 586XXX
Buonaserata,ho quasi 39 anni e nel periodo 11- 17dic. 07 io e la mia famiglia abbiamo avuto un virus parainfluenzale intestinale.Io in partcolare non ho"sentito" febbre, ho vomitato un paio di volte, e ho avuto la diarrea per circa tre giorni (fino ad arrivare a "produrre acqua",scusate il linguaggio un pò figurato).Sbagliando, nei giorni immediatamente successivi ho mangiato dei dolci ( era il mio onomastico).Qualche giorno dopo un leggero dolorino ( meglio dire un fastidio)che avevo giudicato come uno dei postumi temporanei, ha continuato a persistere.E' localizzato in corrispondenza delle ultime coste lato fegato, per capirsi.Poichè non passava sono andato dal medico generico che lo ha letto come irritazione del Colon e mi ha prescritto del perydon.Il giorno di Natale, concessomi dal medico, mi sono limitato ad un"assaggio" (vero) e ho avvertito una ingiustificata pesantezza. Tornato più volte dal medico per il "fastidio" destro che non passava ho fatto esame sangue urine:tutto nella norma tranne glicemia 109, colesterolo totale 260,(colesterolo Hdl 53), Albumina %54,13. Altri valori erano: Ves 8,GOT 17,GPT 52,Alfa amilasi 62,Lipasi 179,Trigliceridi 129,GammaGT 42,Bilirubina totale 1,01,bil. fraz.0,08, creatinina 0,90; Alfa 1 globuline% 2,42;Alfa2 globuline % 11,51; Beta globuline % 13,29; Gamma globuline % 1,18; Globuli bianchi 4,8, globuli rossi 5,35 ecc.
Questo avveniva il 3 gennaio, non contento ho chiesto data la localizzazione del " fastidio" un'ecografia epatica,colecisti e vie biliari, che ha dato anch'essa risultati normali.Il medico generico vedendomi ansioso mi ha prescritto lo spasmomen somatico 40 alla sera.Il Fastidio nel tempo è diminuito per intensità, riproponendosi talvolta occasionalmente, qualche volta migra sul fianco destro.Tuttavia l'attenzione dedicata a questo problema, mi ha fatto sottovalutare che durante tutto questo periodo il mio alvo è piuttosto irregolare ( tengo a precisare che non lo avevo mai monitorato prima) le feci sono raramente solide, spesso non formate o fluide.Nell'ultimo mese monitorandomi più attentamente ho osservato che con una frequenza di 3/ 4 giorni ho episodi diarroici che si concretizzano in 2/3 scariche ravvicinate nel tempo, spesso nelle prime ore notturne.Guardando indietro nel periodo di gennaio credo di ricordare altri episodi diarroici simili, ma con maggiore distanza nel tempo ( essendo ansioso non vorrei io stesso avver accelerato le cose...).Ora mi sembra (?) che gli ultimi episodi diarroici siano stati meno "dratici":si parte da feci solide ad altre fluide ma non totalmente come accadeva prima , e che certi movimenti interni siano diminuiti nel tempo. Un'altro medico mi ha correlato il fastidio (che tuttora è latente/presente) con problemi muscolari, ma anche se ora in modo minore io ho sentito sempre il lato destro del'addome inferiore, come dire, "non tranquillo",quindi continuerei a correlarlo al problema intestinale (?).Nell'attesa di richiedere questo consulto mi sono poi "terrorizzato" perchè una cosa per me è abbastanza consueta: labili tracce ematiche sulla carta igienica. Vedo che è interpretata in modo abbastanza serio: tendo a precisare che questa cosa la noto da anni e mi capita quando "eccedo in pulizia", non compare mai come dire sui primi fogli, e l'ho sempre associata a una "fragilità" verso certa carta un pò più abrasiva. Ho sbagliato???
Nel frattempo attendo un esame feci per parassiti e per "allergia al glutine".Premetto che la mia alimentazione non era delle migliori: no fumo, no alcol,no caffè, ma tanti grassi e coca cola. Scusate la lunghezza, ma avrete capito che sono apprensivo e decisamente stressato, e poichè da quel fatidico 11 dicembre mangio solo menù "ospedalieri",non capisco se un virus parainfluenzale possa giustificare tutto ciò,comunque grazie dell'attenzione.

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro Utente, oltre alle analisi del sangue e sulle feci le consiglierei di eseguire una colonscopia.
La saluto
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente 586XXX

Ringrazio,per l'attenzione.Vorrei aggiungere che nel frattempo ho ricevuto risposta delle analisi: Anticorpi-anti-gliadina: negativo,Antitransglutaminasi IgA,IgG: negativi;Esami feci parassitologico: negativo; (negativo per Giardia).Esame emocromocitometrico: Globuli bianchi 5,0, Globuli rossi 5,59;HGB 15,2;HCT 45,4;MCV 81; MCH 27,1; MCHC 33,4 ;ecc.
Mi è stata prescritta visita da gastroenterologo, che ho fatto e non ritengo soddisfacente (mi sono sentito un pò troppo e frettolosamente banalizzato): ha giustificato il mio stato con un'alimentazione errata e il concomitante virus influenzale, ipotizzando un colon irritato (?).Mi ha confermato lo spasmomen, aggiunto l'uso di fermenti e il reintegro di verdure e frutta in quantità.Mi ha poi fatto richiesta per ricerca del sangue occulto nelle feci( imputando le tracce ematiche di cui parlavo ad emorroidi) e per un tampone rettale.Chiederei al dott. Di Camillo, se è possibile, cosa si deve fare per convincere un medico a richiedere una colonscopia,e cmq se visti i dati a disposizione (capisco la difficoltà) potrebbe indicarmi cosa potrei aspettarmi,mi scuso, ma più passa il tempo, più la preoccupazione sale, ringrazio,anticipatamente.