Utente
Buongiorno,
Da almeno 15 giorni ho una persistente sensazione di pesantezza allo stomaco con una sensazione di gonfiore che provoca una sensazione spesso viciono alla nausea (non sempre il gonfiore è associato ad eruttazione). Non ho notato differenze da prima a dopo i pasti.
Nell'ultimo periodo ho avuto anche episodi di colite.
Ho effettuato una pancolonscopia esattamente un anno fa e non è risoultato niente se non degli spasmi funzionali.
Ho effettuato anche una gastroscopia (la mia seconda) esattamente a gennaio 2011 per un dolore allo stomaco (più un peso evidente che un dolore) con la conferma di una piccola ernia da scivolamento non interessata da esofagite.
Faccio cicli di lansoprazolo 30mg (che sto tuttora facendo).
Sette mesi fa ho fatto anche un'ecografia ad addome inferiore e superiore per controllare una leggera steatosi e renella al rene sinistro.

Questi sintomi attuali che però ho descritto è la prima volta che mi capitano, questa persistente sensazione di non avere digerito anche se non ho mangiato.
Non ho acidità. Ripeto la sensazione di un qualcosa di simile alla nausea e ogni tanto dell'aria che sale.

La mia domanda è, ritiene che in due anni (per la precisione 26 mesi), cioè il tempo trascorso dall'ultima gastroscopia, la situazione del mio stomaco/esofago possa essere cambiata? Che tempi ci sono in genere affinchè possano esserci delle variazioni con patologie anche più serie o preoccupanti rispetto all'ultimo risultato di due anni fa?
Ritiene necessario un altro esame endoscopico oppure dopo soli due anni posso stare tranquillo?
Grazie mille.
La ringrz

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il disturbo che riferisce potrebbe essere una dispepsia piu di tipo funzionale. Pertanto prima di sottoporsi ad un nuovo esame endoscopico riterrei opportuna una visita gastroenterologica al fine di valutare un diverso approccio terapeutico.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore
per la veloce risposta.

Un'ultima domanda, solitamente in quanto tempo potrebbe mutare significativamente un quadro clinico dopo une grastroduodenoscopia?

I 26 mesi che sono trascorsi dall'ultima fatto sono un tempo sufficiente affinché la situazione possa essere significativamente cambiata?

Grazie di nuovo.

Saluti.

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Certamente la situazione può variare nell'arco di poco tempo. Pertanto ribadisco l'opportunità di una visita.
Dr. Roberto Rossi