Utente
Buona sera,ho 36 anni , il 17/3/2013 verso le 11.00 dopo un'ora aver mangiato un panino caldo ho incominciato ad avvertire un fastidio sui fasci inferiori centrali del grande pettorale(in prossimità dello sterno),il fastidio è durato per circa due ore.In serata dopo una stressante discussione verso le 19.30 ho incominciato ad avvertire bruciore di stomaco, per cercare di attenuarli ho mangiato una piadina con una mozzarella e dopo un ora ho bevuto una camomilla calda .Al risveglio mi sentivo bene.A due ore dalla colazione (latte parzialmente scremato e biscotti secchi)ho incominciato a risentire il fastidio al petto, ho chiamato il medico che mi ha detto di andare al pronto soccorso , qui dopoesami del sangue, ECG e visita specialistica dal cardiologo mi hanno dimesso dandomi come cura lucen 40mg per un mese , lucen20mg per un altro mese e riopan ai pasti .Recatomi dal medico curante per la prescrizione,mi ha detto che lucen 20mg andava bene associato a gaviscon ai pasti, in più mi ha prescritto raggi x torace ,analisi del sangue :emocromo completo , got , gpt, amilasi ,lipasi ,urine, t3, t4 e tsh, tutti risultati nella norma.Dopo tre giorni oltre a non riuscire più a digerire,a sensazioni di vomito, accusavo un forte mal di gola, recandomi dal medico mi ha prescritto un antinfiammatorio.Il 25/02/2013 visto che i sintomi non cessavano sono andato da un gastroenterologo che mi ha detto che lucen da 20 mg era poco e che dovevo prendere Lucen 40mg.Dal 22/03/2013 oltre a non digerire più nulla(alcune volte neanche l'acqua)dopo due ore aver mangiato se incomincio a muovermi avverto gonfiore allo stomaco che alcune volte si trasforma in dolore .Da quando ho intrapreso la terapia ho incominciato ad avvertire tutti questi sintomi in più ho perso quasi 8 kg e ho notato che l'urina si è oscurita , leggendo gli effetti colaterali del lucen li ritrovo tutti , cosa devo fare?
Nella attesa di una sua risposta la ringrazio anticipatamente.Cordialmente la saluto.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Credo possa trattarsi di uno stato ansiogeno, che probabilmente le comporta aerofagia e meteorismo.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la celere risposta.
Vorrei sapere, visto il suo pensiero di stato ansioso, se lei pensa che dovrei sospendere la cura( quasi terminata) visto i disturbi correlati,o continuare le indagini con EGDS con prelievo istologico.
La ringrazio nuovamente.

Cordialità .

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Con i limiti di un consulto a distanza,
la descrizione dei sintomi e il mancato giovamento tratto dalla terapia antireflusso assegnatale, mi inducono a non riscontrare indicazione all'esame gastroscopico.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie per la risposta immediata.
Volevo ancora chederle vista la vicinanza se fosse possibile una visita diretta.
In caso di risposta affermativa se può cortesemente mandarmi una mail con indirizzo e numero di telefono per poterla contattare.
Grazie.
Cordialità.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Troverà le informazioni che cerca sul Link di MI+
https://www.medicitalia.it/francescoquatraro/

Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it