Utente
Buonasera, soffro di una forte tosse secca dal mese di ottobre.
Sono sempre stato soggetto a tosse nei mesi invernali, ma mai come quest'anno.. tosse che toglie il respiro e ti debilitava.
Dopo aver fatto un ciclo di cortisone x bocca (1 settimana) si è lievemente calmata.

A dicembre ho effettuato una RX torace che ha dato questo esito:
”Modesto rinforzo del disegno polmonare con lieve accentuazione delle ombre ilari, di tipo prevalentemente vascolare. Non lesione a focolaio. Ombra cardiaca nella norma per dimensioni.”

Ho fatto un esame del sangue: VES 14 Emocromo: Hb 46% Eo: 3% Quadro prot: nei limiti

Il mio medico di base mi ha prescritto il Foster 1 puff mattino e sera

Ad inizio gennaio sono andato da un pneumologo che mi ha prescritto una spirometria e nuovo esame del sangue:
- spirometria - nella norma. DLCO nella norma
- esami sangue - s-Proteina 0.7 (limite <3.0) dosaggi allergologici: s-IgE totali 21 (limite <100) s-ECP 20.1 (limite <16)

Mi è stato consigliato di continuare con il Foster 2 puff mattino e sera fino a fine marzo poi 1 puff mattino/sera fino a maggio; 1 puff mattino giugno-luglio

La tosse pur non scomparendo si è notevolmente ridotta.

Ad aprile ho fatto un’influenza che ha riscatenato una forte tosse. Inoltre sento un persistente sapore di bicarbonato in bocca e senso di acido nello stomaco: è possibile sia causato dal Foster perché faccio pochi risciacqui.
Ho consultato allergologo che per ora vuole escludere un problema allergico e mi prescrive un’altra cura di cortisone per via orale e del Peptazol 40mg per 10 giorni.
A giugno, la situazione e una tosse molto contenuta (4-5 colpi al giorno)..
Un po’ per placare la mia ansia e per cercare di risolvere definitivamente il problema, riconsulto un pneumologo che esclude un problema polmonare e mi consiglia visita OTL e con un gastroenterologo.
La visita OTL esclude cause di sua pertinenza e come il medico di base consigliano una “gastroscopia”.
L’allergologo invece opta per una cura di Peptazol 40mg per 2 mesi e al limite dopo, se non si risolve il problema la gastroscopia.
In verità, un po’ per evitare la gastro, sto seguendo questa via.. Lei cosa ne pensa?
Grazie. Max

[#1]  
Dr. Giovanni Piazza

28% attività
0% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
lei desidera sapere cosa penso?
Allora andiamo per gradi:
1)Nella vita o ci si fida oppure no!
Traduco: Se consulto un professionista qualunque e questi mi dice A ed io non mi fido! mi rivolgo ad un secondo professionista se questi mi dice B e mi fido lo seguo. Ma se del secondo professionista mi fido perchè vado da un terzo professionista che mi dice Z! Insomma così la confusione diviene sovrana!
Premesso debitamente ciò:
Analizziamo i sintomi:
Tosse secca stizzosa ( tradotto tosse non produttiva ovvero non matura come alcuni vecchissimi testi affermano)che la costringe a più accessi di tosse.
Viene trattato come una tosse su base irritativa allergica con cortisone a cui risponde ma in modo parcellare, poi viene aggiunto a un broncodilatatore + cortisone, insomma sr hai l'asma con questo ti passa! Poi un terzo professionista Allergologo la sottopone ad ulteriore cortisone + inibitore di pompa (40 mg per 10 giorni).
Poi si sottopone e direi finalmente a visita ORL che come lei dichiara la esorta come il suo curante a sottoporsi a Gastroscopia.
Ma lei preferisce di no.
Domanda vuole qualche altra vagonata di cortisone?
Cuarare la Causa non i Sintomi dice un mio vecchio docente.
Problemi attivi sul campo:
A) tosse non produttiva con attacchi prevalentemente mattutini? o indistinti? (mattino-pom-notte)
E se la riduzione degli attacchi di tosse fosse figlia della terapia con PPI ?(inibitore di pompa Pantorc per intenderci) o il sospetto di si. Perchè? chiede lei? perchè nel caso di una crisi allergica la terapia cortisonica in attacco gestisce immediatamente i sintomi. Nel suo caso questi recedono quando al cortisone viene aggiunto il Pantorc. Chi dei due ha agito secondo lei? Secondo me il secondo!
Si sottoponga a Gastroscopia e se avremo i segni di una malattia da reflusso la sua tosse è ed era su base irritataiva da reflusso gastrico in faringe!che l'Otorino non ha evidenziato grazie al cortisone che le è stato dato!
Ecco cosa penso!
Cordialmente
Dr.Giovanni Piazza
www.drgiovannipiazza.blogspot.com

Dr. Giovanni Piazza
Chirurgo Oncologo
www.Gruppopalermomedica.blogspot.com
www.drgiovannipiazza.blogspot.com