Utente 706XXX
Salve,
ringrazio in anticipo per il consulto, sfortunatamente sono fuori casa per studio e dovrò attendere qualche giorno prima di consultare il medico di famiglia. Sono un ragazzo di 24 anni, alto 1.80 e di circa 70 Kg. Premetto inoltre che circa un anno fa ho avuto un attacco di panico e da allora nei momenti di stress "somatizzo" e mi ritrovo in uno stato ansioso. Rimane il fatto che ne sto uscendo e che quanto mi presto a descrivere è differente dai soliti dolori "da ansia" (che ormai conosco e sono localizzati prevalentemente al petto, oppure all'addome: circa all'altezza dell'ombelico sul fianco destro, secondo il mio medico sono da attribuire al colon).
Da qualche giorno ho un fastidio diffuso, in particolare al risveglio, su tutta la parte destra più esterna dell'addome dalla fine delle costole al bacino, questo fastidio scompare in fretta ma permane o "si sposta" più all'interno appena sotto la cassa toracica (zona che di solito uno definisce "fegato") con fitte sporadiche. Da oggi la cosa che mi preoccupa sono dei "movimenti" che avverto dalla parte simmetrica, a sinistra, appena sotto e dietro le ultime costole, come un movimento involontario o qualche corpo estraneo che si dimena. Potrei anche definirle come fascicolazioni ma senza la loro "direzionalità", si presentano durante e dopo i pasti se in particolare sto seduto leggermente chinato in avanti. Non provocano dolore ma sono talmente fastidiosi che devo fermare le attività che compio.
Inoltre da qualche giorno ho un appetito discontinuo e un certo senso di pienezza.
Cosa potrebbe essere? Ancora il colon? (ci tengo a precisare che in questo momento l'ansia non mi sta assalendo, anzi sono entrato da qualche giorno in una fase di relax e riposo psicologico)

[#1]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
fornirle per via telematica delle risposte di certezza è oltremodo difficile. Dalla Sua descrizione
(”… movimento involontario… fascicolazioni ma senza la loro "direzionalità"….durante e dopo i pasti se in particolare sto seduto leggermente chinato in avanti..” ) è ipotizzabile siano i movimenti peristaltici intestinali; da considerarsi del tutto normali. Comunque, non appena le sarà possibile farlo, ricontatti il Suo medico di fiducia che ben conosce la Sua storia clinica ed avrà modo di rassicurarla.

Dott.ssa M.M.Morelli