Utente
Salve dottori,
sono un ragazzo di 31 anni e soffro spesso di feci dure (credo dovuto al fatto che bevo poco, perché se provo a bere di più, nel giorno successivo vado al bagno con feci più morbide).
Spesso, le mie feci sono accompagnate da muco visibile, ma sempre del colorito giallastro/marroncino che lo contraddistingue.
Ammetto di essere un soggetto ipocondriaco, quindi probabilmente quello che dico è influenzato da questo.
I primi di ottobre, per dei fastidi al fianco sinistro all'altezza inguinale, chiesi al medico di base di poter approfondire la cosa (più per paura che per reale necessità), e mi fece fare l'esame delle feci su 3 campioni, e tutti e 3 diedero come risultato <10 ng/ml su range di riferimento di 0 - 50 ng/ml, il tutto corredato dalle standard analisi del sangue, tutte perfettamente nei range prestabiliti.
Ultimamente, quando sto seduto, mi capita sempre più di avere dei fastidi che partono dalla parte sinistra della schiena (altezza dell'anca), che delle volte si concentrano alla parte più sporgente dell'anca frontale sinistra (l'osso che si sente bene sul fianco per farmi capire), fino anche ad arrivare all'altezza dell'attaccatura del pene. Questo fastidio, mi da la sensazione di essere "superficiale" a confronto di un normale mal di pancia, quindi più incentrato sui muscoli.
Siccome mi preoccupa questa situazione, mi trovo spesso a guardare le feci, cercando di scorgere qualche segno di sangue.
Oggi, mi è successo di scorgere una singola striatura leggera nel muco che era uscito insieme a feci normali, e mi sono molto allarmato (ovviamente, nel vederla, ho cercato di "controllare" raccogliendo quel muco con della carta igienica e c'era effettivamente. La striatura era molto chiara, come il sangue fresco per intenderci. La sua forma era filiforme, come se nel muco ci fosse un "filo rosso".
Ultimamente (durante questi giorni di feste) sto provando un leggero bruciore all'ano, con piccoli occasionali pruriti (parlo in diminutivo, perché non è nulla di così fastidioso o invalidante). Sinceramente, diarrea non ne ho mai (vedendo su internet credo possa essere indicativo dirlo).
Io vorrei andare dal medico e dirgli questa cosa, ma ho paura di essere preso per pazzo, visto il mio tipico stato ipocondriaco.
Quest'estate, nel lavarmi sentii una presenza all'ano, e controllandola bene sentii una "pallina" nella parete interna (col dito, entrando leggermente, si poteva toccare bene). Il medico disse che sicuramente era un'emorroide (non l'ha toccata, si è basato sulla mia descrizione), ma ora questa cosa è completamente scomparsa. Negli anni passati, mi è capitato di vederne raramente altre di striature, e alcune anche sulla carta igienica (come quando ci si pulisce una ferita con la carta), ma non avendo ancora usufruito di internet per queste cose, non gli diedi mai peso.
Voi pensate che io stia esagerando? Che una striatura può anche essere fisiologica? Questa situazione può essere anche frutto degli eccessi culinari di questi giorni?

Grazie e buone feste

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' possibile che si tratti di ragadi anali.

Vorrei precisare che ogni sintomo va verificato ed il paziente va, OBBLIGATORIAMENTE, visitato,

<<non l'ha toccata, si è basato sulla mia descrizione>>,

questa affermazione non è condivisibile,
una visita proctologica è necessaria.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Salve,
sono stato proprio questo momento dal medico di base che mi ha prescritto proprio una visita proctologica.
Ho prenotato la visita con il SSN per il giorno 31 gennaio, in ospedale. C'era anche per il 15 gennaio in un altro, ma questo che ho scelto è più "importante" (mi passi il termine) e comodo per raggiungere il lavoro successivamente.
Secondo lei dovrei cercare di anticipare? Così, sintomatilogicamente parlando, ritiene debba "preoccuparmi"?
Purtroppo sono un fifone e mi spavento pensando sempre alle peggiori malattie (tumori, etc...).

Grazie

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Per quanto riferisce direi che non vi sono segni di allarme immediato.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Salve,
è passato oramai un mese e domani ho la visita proctologica.
Non ho più avuto sanguinamenti dopo quel singolo evento, e ho cominciato a bere normalmente, avendo così feci più morbide e assenza di muco.
Fastidi sinceramente non ne ho più e vado in bagno regolarmente.
Le scrivo questa risposta perché ho paura di fare una brutta figura domani col medico, andando lì per un sintomo che ho avuto un mese fa e che non si è più ripresentato! Farei meglio a disdire e lasciare il posto a qualcuno che magari ha veramente bisogno secondo lei? Non vorrei aver esagerato con allarmismi inutili

Grazie della disponibilità!

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non esiste alcuna brutta figura per chi viene visitato per un problema che ha realmente avuto.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio per il consulto, e vorrei concludere con la visita che ho effettuato questa mattina, che ha evidenziato delle semplici emorroidi. Il medico mi ha prescritto una cura... e di bere molto più di quello che faccio attualmente!

Grazie per la disponibilità

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Bene.

Tutto si è risolto per il meglio.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it