Utente
gentili dottori, mi chiamo Antonio, ho 29 anni e vivo in provincia di Napoli.
Passo ad esporvi la mia problematica; premetto che non ho mai avuto grossi problemi di salute, a parte l'ipocondrio destro che mi ha sempre dato qualche fastidio.
E'ormai da marzo scorso che soffro dei seguenti sintomi:
vari doloretti al fianco destro, addome destro e schiena; a volte l'irradiazione raggiunge anche il testicolo destro e la gamba. In oltre ho un senso di gonfiore a tutto l'addome e dei borborigmi fastidiosi specie dopo i pasti., e c'è anche da dire che da che mi ricordi ho problemi nelle flatulenze nel senso che le faccio quasi esclusivamente durante l'evacuazione. Per quanto riguarda le defecazioni sono di solito 1 o 2 al giorno, a volte anche 3, ma solitamente sono feci dure e difficili da espellere.Il mio medico mi ha sempre curato il colon irritabile ed aveva sempre funzionato fino a marzo.Infatti a marzo ho effettuato analisi del sangue con emocromo completo, esami epatici e delle urine, tutto nella norma. Ho poi eseguito una ecografia inguinale e scrotale da cui è emersa una ernia piccola a destra, ma l'ecografo ha detto che il 40% dei miei disturbi sono ad essa attribuibile, l'altro 60% potrebbe essere il colon irritabile. I miei sintomi scompaiono per 2-3 settimane, poi ritornano per attenuarsi del giro di uno o due mesi. Cosa potrei fare per confermare le diagnosi ed avere una cura propositva?
ultima cosa circa due mesi fa in seguito a dolore anale e qualche goccia di sangue sulla carta igienica mi è stata diagnosticata una ragade anale, curata al 90% fin'oggi.
grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Sarebbe utile eseguire una ecografia dell'addome completo per escludere problemi Reno ureterali come una microlitiasi renale che potrebbe giustificare i disturbi riferiti. Se l'esame fosse negativo l'ipotesi di una sindrome del colon irritabile sarebbe plausibile.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
grazie mille per la celere risposta, provvedo subito a fare l'ecografia ed a contattare un urologo. grazie