Utente
Salve, scrivo perché vorrei consigli su come procedere a seguito della data condizione: da circa 2 mesi e poco più mia madre di 53 anni ha i seguenti sintomi: dolore retrosternale che si irradia sino a raggiungere lo spazio intrascapolare, bruciore della gola, leggere raucedine e una sensazione di acidità. Dopo aver fatto la prima visita dal medico di famiglia ha ricevuto come diagnosi quella di Reflusso gastroesofageo con associata terapia di 40 mg Pantoprazolo per la durata di circa 1 mese e mezzo e una modifica della dieta eliminando determinati cibi secondo una data lista. I sintomi come raucedine e bruciore della gola sono scomparsi dopo questa prima fase di terapia, sembrava migliorasse anche il dolore toracico e la sensazione di bruciare associata, ma una volta ridotta la terapia a 20 mg questo sintomo persiste soprattutto in posizione supina durante la notte e in alcuni momenti durante il giorno. È un situazione altamente debilitante per questa persona, che inoltre afferma di star dimagrendo e ogni tanto di fare feci leggermente molli. Ad oggi le è stata prescritta un gastroscopia da qui a un mese. Ultimi analisi del sangue sono state fatte un anno fa ed era tutto ok, ultima gastroscopia fatta 3 anni fa. Vorrei sottolineare che in famiglia abbiamo avuto un caso di tumore allo stomaco e la persona in questione è seriamente preoccupata che possa trattarsi di quest'ultima patologia. Ora è bene fare riferimento ad un specialista del settore con una visita ad'hoc e procedere forse con una gastroscopia urgente???? Com'è è meglio procedere?? C'è da allarmarsi?? Grazie.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
I sintomi orientano verso una malattia da relfusso e non verso una patologia tumorale. L' indicazione alla gastroscopia è corretta.Puo' provare a rivolgersi ad altre strutture per un appuntamento.Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it