Utente
Egregoi Dottori, ho 42 anni e volevo portare il problema che da qualche tempo mi afflige, faccio una piccola premessa negli ulrtimi 10/12 anni ho eseguito quattro gastroscopie, l'ultima quattro anni con questo risultato:
Gastroscopia per via transnasale: Esofago normale per lume e mucosa in tutti i suoi segmenti. Giunzione squamo-colonnare (linea Z) di aspetto frastagliato. Presenza di piccola ernia jatale da scivolamento, senza segni di esofagite nella mucosa erniata. Cardias apparentemente ipocontinente, osservato in retrovisione. Stomaco normoconformato con pareti elastiche e ben distensibili. Mucosa gastrica rosea ed esente da alterazioni nel fondo, nel corpo e nell'antro: Piloro regolare. Il bulbo e la II porzione duodenale mostrano lume regolare e mucosa di aspetto normale. No eseguite biopsie per la assenza di patologie gastroduodenali. Diagnosi: non alterazioni di rilievo a carico dell'esofago, dello stomaco e del duodeno esplorato fino alla II porzione (nelle precedenti si evidenziava sempre un 'esofagite di grado moderato). Nell'ultima visita (fatta a Settembre)la terapia data è il gaviscon la sera dopo i pasti mentre nei periodi di accentuazione il pantorc da 20 mg, veniamo al problema è da qualche tempo che durante la notte mi sveglio con un dolore a crampi alla bocca dello stomaco che si irradia anche dietro la schiena il tutto dura per circa mezzora ad intervalli e soono costretto ad alzarmi e bere una camomilla, ho eseguito anche tutti gli esami cardiaci dopo visita ma tutto è a posto oltre ad un ecografia alle vie biliari (tutto a posto), premetto che ultimamente sono molto strssato ed essendo molto ansioso mi prendono dei veri e propri attacchi di panico. Volevo sapere a questo punto cosa mi consigliate a volte mi agito peggiorando la situazione, in questo periodo stò prendendo il Pantorc da circa due mesi, e nessun sintomo tipo bruciore o reflusso tranne che per questi episodi.
Vi ringrazio anticipatamente.
Cordialità

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Ritengo che i sintomi siano comunque ascrivibile al reflusso, esaltati dallo stress.
Si fa seguire da uno specialista?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore per la celere risposta, ho effettuato una visita gastroenterologica a Settembre nella quale mi sono state richieste le analisi del sangue emocromo, ves e pcr (tutte nella norma), e di proseguire con il gaviscon alla sera, e se comparivano di nuovo i sintomi di reflusso e bruciore iniziare il pantorc da 20 mg per 2/3 mesi, cercare di fare una buona alimentazione evitando tutti quei cibi irritativi. Quello che ogni tanto succede è una situazione non di reflusso ma di crampi con dolore dietro la schiena, tanto e vero che i sono preoccupato facendo una visita cardiologica e con ecg, ecocardiogramma ed infine holter 24 ore (tutto normale). Ultimamente come dicevo sono molto stressato con episodi di attacchi di ansia. Cosa mi consiglia?
Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Dovrò ripetermi,
... anche se non ha il classico bruciore
ritengo che i crampi che lei lamenta
"siano comunque ascrivibile al reflusso, esaltati dallo stress."

Credo debba
controllare ansia, alimentazione,
e rivisitare la sua terapia per il reflusso.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie di nuovo Dottore, cercherò di stare più tranquillo il forte stress è stato causato dal lavoro, per quanto riguarda l'alimentazione non fumo, mi concedo ai pasti un po' di vino rosso e basta, eliminerò del tutto il caffè per quanto riguarda la terapia andrò dal medico.
Cordiali saluti.