Utente
Gentilissimi Dottori, vi scrivo per avere dei consigli su un problema che mi tomenta da oramai due anni e dal quale non riesco a uscire.

Esattamente due anni fa (primavera 2013) iniziai a soffrire di doloretti nella zona destra dell'addome che, progressivamente nel tempo si acutizzavano e venivano accompagnati da mal di stomaco, nausea, totale irregolarità dell'alveo, mancanza di appetito e una debolezza spaventosa. L'estate fu un inferno, persi 5 kili e nella maggiorparte dei giorni non riuscivo neanche ad alzarmi dal letto dalla debolezza.

A settembre feci numerosi controlli tra cui approfondite analisi del sangue che comprendevano praticamente tutti i valori possibili immaginabili dell'apparato digerente (normali) e anche molti esami ormonali, in quanto ho sofferto di pubertà precoce. (normali anche quelli). Efefttuai anche sangue occulto feci (negativo) e calprotectina fecale (negativa). Anche mononucleosi e helicobacter. negativo anche a celiachia e altre intolleranze.

A questo punto feci una TAC addome con contrasto, ad ottobre 2013.

L FEGATO, DI FORMA E DIMENSIONI NORMALI, MOSTRA DENSITA' PARENCHIMALE REGOLARE, ESENTE DA ALTERAZIONI FOCALI. LA VENA PORTA APPARE DI CALIBRO REGOLARE. LA COLECISTI, NORMODISTESA, CON PARETI REGOLARI, E' PRIVA CI CONCREZIONI LITIASICHE CALCIFICHE.

IL PANCREAS PRESENTA FORMA, DIMENSIONI E DENSITA' GHIANDOLARE NELLA NORMA. IL DOTTO DI WIRSUNG NON E' DILATATO. NON SI OSSERVANO ALTERAZIONI FOCALI IN FASE ARTERIOSA E VENOSA.

LA MILZA APPARE DI DIMENSIONI NEI LIMITI DELLA NORMA.

AMBEDUE I RENI SONO DI DIMENSIONE E E MORFOLOGIA NORMALI CON REGOLARE SPESSORE CORTICO MIDOLLARE. NON ALTERAZIONI DELLA PARENCHIMA RENALE. LE VIE ESCRETRICI NON SONO DILATATE NE' SI APPREZZANO IMMAGINI RIFERIBILI A CALCOLI.
AORTA ADDOMINALE DI CALIBRO E DECORSO REGOLARI
NON VERSAMENTO LIBERO PERITONEALE.

L'ULTIMA ANSA ILEALE PER QUANTO APPREZZABILE PRESENTA DECORSO NORMALE E SPESSORE PARIETALE NELLA NORMA. NORMALE LA REGIONE ILEO CECALE. NEI LIMITI L'APPENDICE CECALE.

PRESENZA DI UNO DUE LINFONODI REATTIVI ILEOCECALI

REGOLARI IL CALIBRO E IL DECORSO DELLA ANSE DIGIUNO ILEALI.

MINIMA RAREFAZIONE DEL RILIEVO PILICALE IN SEDE DIGIUNALE DISTALE ED ILEALE.

SI SEGNALA LA PRESENZA DI MULTIPLI PICCOLI LINFONODI DI ASPETTO REATTIVO IN SEDE MESENTERICA SUL VERSANTE DIGIUNO ILEALE.

SIGMA CARATTERIZZATO DA MODESTO ISPESSIMENTO PARIETALE DIFFUSO COME CONDIZIONE DI PRE DIVERTICOLOSI SENZA SEGNI DI FLOGOSI IN ATTO.

Fatto ciò, NESSUN MEDICO FU IN GRANDO DI DIRMI COSA POTEVO AVERE, così mi misi l'anima in pace e decisi di convivere con i sintomi. Verso Natale 2013 la fase acuta passò. E cominciai a riprendere peso.
Da circa un anno e mezzo continuo però a soffrire quotidianamente di DOLORI SOLO NELLA ZONA DESTRA DELL'ADDOME, che, non so in base a cosa, si spostano da un'ora all'altra dalla zona dell'alto addome, giu fino al fianco e viceversa. SOLO A DESTRA. Oltre a questo alterno stitichezza a semidiarrea.

Qualche consiglio? i linfonodi?

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Trascurerei i linfonodi
e mi affiderei ad un bravo gastroenterologo per curare quello che appare un Colon Irritabile nella forma mista.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore, la ringrazio per il parere.

Ho prenotato la visita con una gastroenterologa la settimana prossima.

Due veloci domande:

1) il colon irritabili può dare sintomatologie così pronunciate?

2) considerando il dolore cronico sempre e solo a destra da un paio di anni, potrebbe essere una pancreatite cronica, oppure la TAC la esclude?

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
1.Si

2. La esclude
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore,

volevo aggiorarla:

ho fatto una visita da una gastroenterologa. Le ho parlato di tutte le mie problematiche gastroenteriche, della fiacca e di tutte le ricerche che ho fatto.

Mi ha fatto anche una ecografia addominale dove ha trovato moltissimo meteorismo intestinale, tanto che non è riuscita a vedere il pancreas. Tutto nella norma ma ha trovato un pochino di sabbia biliare nella colecisti e quindi mi ha consigliato, per ora, di bere tantissimo e poi rivalutare.

In sostanza, secondo lei, le mie problematiche sono legate ad un forte colon irritabile con tendenza stitica e la terapia che mi ha dato è volta a svuotare l'intestino e andare di corpo più spesso, in modo che, secondo lei, dovrei stare meglio. Mi ha dato "enterolactis duo" e "Laxido bustine" per pulire l'intestino.

Avendo io 107 di glicemia a digiuno a 27 anni, ha detto che potrei avere una insulino resistenza e, magari, in prossimo futuro dovrei fare curva da carico glicemico e insulinico.

L'UNICA COSA CHE LEI NON SI SPIEGA TANTO E' QUESTO DISCORSO DELLA FIACCA, DI CUI IO MI LAMENTO MOLTO. Secondo lei con emocromo, tiroide e Tac ok non si capisce bene a cosa attribuire questa fiacca, che non è proprio tipica del colon irritabile - sostiene- ma che per me è più invalidante dei dolori addominali e della stitichezza. Comunque per quella, se dovesse tornare, mi ha dato un neovis plus.

Mi ha detto di rivederci tra 45 giorni.

Dottore, volevo un suo parere medico, se possibile.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Concorderei con la sua dottoressa.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it