Utente
Gentili dottori,

sono un po' preoccupato perche', pur avendo da sempre uno stomaco un po' delicato, non mi era mai capitato di avere i sintomi che andro' a descivere, protratti per molto tempo.
Da circa 3 settimane infatti, sento di avere gonfiore di stomaco e difficolta' digestive. Dopo pasti, a volte neanche pesanti, impiego davvero molto tempo per digerire, cosa che avviene con difficolta' e lentezza. Spesso compare anche un leggero ma fastidioso bruciore di stomaco. Per quanto riguarda l'acidita', non mi sembra di averla notata se non in pochissime occasioni.
Il fatto che da circa 3 settimane continuo ad avere quasi come una costante il gonfiore/bruciore di stomaco, e difficolta' a digerire specialmente dopo cena (a volte faccio fatica ad addormentarmi per il fastidio), mi preoccupa perche' penso che questi sintomi si stiano prolungando troppo nel tempo. Qualche volta ho rimediato con una semplice Maalox che ha aiutato, ma vorrei capire quali possono essere le cause.
Ho letto anche che la gastroscopia e' l'esame migliore per avere un quadro completo della situazione, ma sono davvero spaventato all'idea di sottopormi ad un esame di questo tipo.

I miei sintomi sono da ricollegare a qualcosa di preoccupante? Posso provare una alimentazione particolare o rimedi alternativi prima di sottopormi ad esami "invasivi" come la gastroscopia?

Ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se i disturbi sono di recente comparsa non è indispensabile sottoporsi immediatamente alla gastroscopia. Si attenga ad una dieta in bianco per qualche tempo evitando ogni forma di alcol ed eliminando il fumo se presente. Qualche antiacido potrà giovare.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Rossi,

la ringrazio per la veloce risposta.

In realta' non fumo e bevo alcolici di rado. Ma da quando avverto questo malessere ho evitato anche gli alcolici.
Mi diceva che se i sintomi sono di recente comparsa non e' necessaria la gastroscopia, ma cosa si intende per "recente" in ambito della gastroenterologia? Perche' io ho questi sintomi da 3 settimane praticamente tutti i giorni. In passato ho avuto fastidi allo stomaco, come digestione lenta, gonfiore, qualche volta acidita', ma non mi sono mai durati cosi tanto i sintomi che invece si protraevano per una serata o al massimo per un giorno.
Lei pensa che non ci sia nessun motivo di preoccupazione? Se la sera avverto ancora questi disturbi, devo continuare a prendere gli antiacidi?

Grazie

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Se ha già messo in atto le misure che avevo suggerito e i sintomi sono ancora presenti allora sarebbe il caso di riconsiderare l'indicazione all'esame endoscopico . Potrebbe trattarsi di una gastrite. Importante che l'esame sia comprensivo di biopsie .
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
Quindi devo valutare anche l'opportunità di una gastroscopia.
Visto che questo esame mi spaventa, posso chiedere come viene eseguito generalmente, e se vi è possibilità di essere anestetizzati?

[#5]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Si è possibile eseguire l'esame anche con sedazione profonda,ma deve chiedere al centro a ui si rivolgerà per eseguire l'esame.
Dr. Roberto Rossi