Utente
Salve,
ho effettuato gastroscopia dalla quale è emersa una gastropatia iperemica erosiva.
L'istologico ha confermato "gastrite cronica lieve moderata a lieve attività con atrofia lieve ed aspetti erosivi".
Le n.3 biopsie operate in sedi antro, corpo e duodeno hanno evidenziato:
"frammenti di epitelio ghiandolare di piccolo intestino con villi che appaiono in diversi gradi di atrofia. Nella lamina propria si osserva un aumento degli elementi della flogosi cronica plasmacellulare. aspetti da correlare a quelli clinico-endoscopici".

Volevo cortesemente sapere se l'indicazione dell'istologico è una metaplasia e con quale ricorrenza periodica l'esame endoscopico va ripetuto.
grazie mille

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La risposta istologica mi sembra un poco confusa: non si fa cenno alla mucosa gastrica mentre per quella riguardante il duodeno si descrive una parziale atrofia dei villi ma non c'è la conta dei linfociti ed il rapporto numerico con gli enterociti (solo parametro che può far fare diagnosi di celiachia).
Non è, per caso, che lei ha copiato male il referto?
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, ringraziandola per la rapida risposta le trascrivo integralmente il referto istologico:
QUESITO DIAGNOSTICO:
1-2) Gastropatia iperemica erosiva, ricerca H.P.
3) Bio morfologia dei villi
MATERIALE INVIATO:
Biopsia gastrica:
1) Antro.
2) Corpo.
3) Il duodeno

DIAGNOSI
1-2) Gastrite cronica lieve moderata a lieve attività con atrofia lieve ed aspetti erosivi.
Non si osservano batteri morfologicamente riconducibili ad H.P.
3) Il quadro istomorfologico mostra, sulle sezioni esaminate del campione inviato, frammenti di epitelio ghiandolare di piccolo intestino con villi che appaiono in diversi gradi di atrofia.
Nella lamina propria si osserva un aumento degli elementi della flogosi cronica plasmacellulare.
Aspetti da correlare a quelli clinico-endoscopici.
-------------

grazie ancora

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1- 2) SOLO LIEVE GASTRITE

3) Questa risposta non ha alcun significato. Quando il quesito è specifico sulla morfologia dei villi occorre una risposta COMPLETA con il conteggio al microscopio dei linfociti e degli enterociti (per poter calcolare il rapporto numerico tra questi due tipi di cellule).
Dire che si osserva un aumento degli elementi di flogosi non è sufficiente.

Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore,

che mi consiglia di fare: ripetere (e tra quanto tempo) la gastroscopia o, se possibile, richiedere la ripetizione dell'istologico?
Pur nell'incompletezza della risposta ravvisa elementi che destano preoccupazione ?

grazie

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Per quale motivo ha fatto l'esame?
Se il motivo lo richiede, dica all'istologo di refertare nuovamente i vetrini senza ripetere l'esame.
In ogni caso ne parli con il curante che ha richiesto la gastroscopia.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Sintomi da reflusso gastroesofageo.
grazie dei suggerimenti

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Mi aggiorni se le fa piacere!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
gentile dottore,

seguendo suo consiglio ho prenotato visita di controllo con gastroenterologo (tra 8 gg).
nell'attesa, anche al fine di controllare l'ansia degli ultimi giorni (essendo riaffiorati sintomi da reflusso dopo sospensione, concordata con il medico, di pantoprazolo per alcuni mesi), volevo chiederle se, pur nella confusione dell'istologico che le ho trascritto, il referto sarebbe compatibile con diagnosi di Barrett (anche se non rilevato all'esame endoscopico)?

ancora grazie

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il Barrett è nell'esofago ed è macroscopicamente visibile.
Lei non ha alcun segno di tale patologia.
Non si faccia male da solo!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
grazie di cuore e buona giornata