Utente 348XXX

Buonasera a tutti, volevo sapere se esiste una predisposizione a sviluppare il diabete di tipo 2 avendo i valori delle Alt alterati (cioè, superiori alla norma) con un parente di primo grado (esempio, uno dei genitori) affetto appunto da diabete non isulino-dipendente.

Volevo sapere, più o meno, in che percentuale incide lo sviluppo di un diabete di tipo due nell'immediato o prossimo futuro.

Grazie

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) si
2) impossibile dirlo in quanto condizionato da numerosi parametri inerenti lo stile di vita della persona in oggetto.
Per esemplificare: se la persona fa attività fisica e segue una alimentazione corretta ed equilibrata, il diabete potrebbe svilupparsi mai. Al contrario avrebbe forti probabilità.
Resto a sua disposizione! Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 348XXX

Buonasera dott. Bacosi, immaginavo che il responso della sua risposta fosse esattamente quello. mi dica ancora una cosa: c'entra pure qualcosa l'ipercolesterolemia familiare con l'innalzamento delle ALT. anche qua immagino di sì. grazie e buona serata

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
No.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 348XXX

Mi pareva di aver letto da qualche parte che, un accumulo di colesterolo o di trigliceridi nel fegato, portasse ad un innalzamento delle transaminasi ALT

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Trigliceridi sono una cosa.
Lei mi ha chiesto del colesterolo che è una cosa diversa.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 348XXX

Quindi lei mi rassicura che, un colesterolo medio-alto, è comunque innocente in fatto di innalzamento delle transaminasi? grazie