Coprostasi e qualche livello idroaereo

Gentili medici,
Vi scrivo per avere un parere su una problematica di salute che interessa il mio apparato digerente

Dopo una laringite, trattata con antibiotico e antinfiammatori, uno stato di nausea, debolezza con un episodio di diarrea e febbre, probabilmente dovuto ad una sindrome influenzale, ho iniziato ad avvertire dolori addominali abbastanza forti, provocati da stipsi.
Ho provato ad alleviarli prima con malva e camomilla poi, visto l'aggravarsi del dolore con un antidolorifico forte (il contramal)
Passati tre giorni, due dei quali con notti insonni per il dolore costante, sono andato prima alla guardia medica dove mi è stata effettuata un'iniezione di spasmex, senza grandi benefici, poi al pronto soccorso della mia città, Olbia.
Al p.s. Murphy e Giordano negativi, non irritazione peritoneale, attività cardiopolmonare nella norma. Dopo flebo di Perfalgan e Pantorc i dolori continuano così viene richiesta rx diretta addome.
Addome trattabile, non dolente nè dolorabile alla palpazione superficiale e profonda, Blumberg negativo, peristalsi presente.
Dal rx addome emerge: coprostasi e qualche livello idroaereo.
Vengo dimesso dal p.s. con terapia medica a base di Movicol(1 bustina), Somacol (1 cmp)e Idracol (1 cmp). E prescrizione di colonscopia urgente.
Al mio ritorno a casa evito di mangiare un po' per l'assenza di appetito e un po' per la nausea che mi accompagna da giorni.
Ieri inizio la terapia ma ancor prima riesco a fare qualche (molto) contenuta evacuazione in bagno. Oggi idem, poche feci e di diametro "ridotto".
Nel frattempo sono andato a prenotare la colonscopia ma mi è stato assegnato un appuntamento solo nel mese di gennaio.
Secondo l'endoscopista non sono annoverabile tra i pazienti urgenti perché non ho sanguinamenti né tumori pregressi, ecc.
Poi dovrei svuotare il mio intestino altrimenti non si può fare la colonscopia.

Soffro nei cambi di stagione e nei periodi di forte stress di reflusso gastroesofageo, inoltre saltuariamente di colon irritabile.
L'anno scorso, luglio 2016, in seguito a dei costanti dolorini nell'addome mi fu prescritta una colonscopia da cui non emerse niente di patologico, fatta eccezione per la mucosa ileale, risultata con iperplasia nodulare del tessuto linfoide associato (referto biopsia).
L'endoscopista mi disse che non avevo né Chron né altro. Feci un ciclo di Pentacol e i disturbi pian piano scomparvero.

Per il resto sono sempre andato di corpo regolarmente, anche due volte al giorno. Questa costipazione mi preoccupa un po'.
Il medico di famiglia mi dice che dal p.s. non avrebbero dovuto dimettermi ma farmi ulteriori accertamenti. Al p.s. dicono che non possono fare altro.
Il gastroenterologo dell'ospedale mi dice che non può seguirmi prima di gennaio, neanche in privato.
Gentile medico/i, rimango costipato, con coprostasi e i livelli idro-aerei, sperando che la situazione migliori?
Avreste qualche suggerimento per dieta, terapie o altro che mi possa aiutare?
Grazie infinite in anticipo.
A.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 904 12
Segua la terapia prescritta.
Dieta liquida/semiliquida per qualche giorno.
La coprostasi non si forma in un giorno.
Le consiglio visita gastroenterologica (prima della colonscopia) per valutare la situazione.
Cordialmente.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Bacosi,

La ringrazio infinitamente per la celere risposta.
La dieta semiliquida (privo o con poche scorie) sta fortunatamente iniziando a produrre qualche effetto benefico.
Sto, seppur lentamente e con quantità "contenute", ritornando ad andare di corpo.
Mi chiedevo se questa sorta di pseudo blocco intestinale potesse essere dovuto al colon irritabile, accompagnato da un mix di sedentarietà, alimentazione disordinata e stress.
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 904 12
Sono fattori che, sicuramente, contribuiscono.

Tutto su dieta e benessere: educazione alimentare, buone e cattive abitudini, alimenti e integratori, diete per dimagrire, stare meglio e vivere più a lungo.

Leggi tutto

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa