Utente
Salve, ho 42 anni e da circa 15/20 anni anni, soffro di gastrite, reflusso gastrico, ernia iatale.
Circa tre anni fa mi sono state riscontrate anche due ulcere duodenali (credo che siano dovute al fatto di aver sospeso per un breve periodo l'assunzione di farmaci in quanto li assumevo da troppo tempo e la cosa mi preoccupava).
Ho sempre trattato queste patologie con esopral da 40 e peridon prima dei due pasti principali, ma negli ultimi due/tre anni, la
situazione sembra essere peggiorata. Infatti ho cambiato diverse volte terapia.
Attualmente prendo esopral 40 e debridat 150mg prima dei due pasti principali ma la situazione non migliora affatto anzi è peggiorata ulteriormente.
Ho un fortissimo dolore epigastrico proprio nella zona dello sterno che si irradia anche a volte alla schiena e in più dolori al colon e questo durante tutta la giornata ma soprattutto durante la notte.
Dalle varie gastroscopie non è mai risultata la presenza di helicobacter.
Ho fatto anche radiografia ed ecografia all'addome con esito negativo.
Inoltre ho effettuato la phmetria delle 24 ore dove risultano maggiori reflussi dopo durante le ore del mattino e le ore serali.
Comincio ad avere paura di essere affetto da qualche brutto male allo stomaco (esofago di barret o addirittura un tumore) mi consigliate una ulteriore gastroscopia per scongiurare ciò?
Oppure cosa posso fare per migliorare la situazione, sembra ormai che nessun farmaco faccia più effetto.
Mi consigliereste di provare il ranidil in sostituzione dell'esopral?
Esiste un intervento chirurgico definitivo?
Ringrazio tutti in anticipo.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Probabilmente gli IPP non hanno più effetto per cui eseguirei la titolazione della gastrinemia (prelievo di sangue) per valutare l'efficacia di tali farmaci.
Ovviamente non trovo razionale pensare al Barrett o al tumore.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la pronta risposta Dottor Cosentino,
posso sospendere solamente un giorno prima di fare l'esami l'assunzione degli IPP? ho letto che occorrono 5/7 gg.
Se fosse realmente necessario sospendere per tutti questi giorni penso non sarei in grado di effettuare l'esame.
Perché non trova razionale pensare al Barret o al tumore?
Tra l'altro se dall'esame risultasse un livello altro di gastrica non potrebbe trattarsi proprio di un gastrinoma?
Non sarebbe il caso di fare anche una gastroscopia?
Grazie infinite e mi scusi per tutte le domande che le faccio, ma sono un po preoccupato...