Utente
Salve, ho 45 anni e circa 3 anni fa in seguito a continui episodi di disfagia serale, in pratica non riuscivo proprio a ingoiare, la sensazione era che il cibo si bloccasse nell'esofago con conseguente dolore toracico, ho effettuato una visita grastroenterologa e un esofagogastroduodenoscopia il cui responso è stato "Cardias tendente allo scivolamento. Gastrite cronica antrale".
Mi sono stati prescritti IPP, in particolare omeprazolo 10mg, farmaco che ha di fatto completamente cancellato questi sintomi.

Il problema è che in questi 3 anni ho provato più volte a interrompere il trattamento, mi capita ogni tanto di farlo per 2-3 giorni ogni 10-20 gg, e non ho alcun problema, se però lo faccio per un periodo superiore, 4 o 5 giorni, quella sintomatologia comincia nuovamente a farsi viva e sono costretto a prendere nuovamente l'omeprazolo.

Avendo letto che l'omeprazolo alla lunga può portare effetti collaterali anche gravi, sono condannato a convivere con questo farmaco o ci sono alternative? quale potrebbe essere la soluzione o quantomeno il migliore compromesso?

Si tenga presente che non ho altri sintomi quali bruciore, mal di stomaco, ecc.

Grazie.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Se il farmaco è necessario per controllare i sintomi deve essere assunto anche in modo cronico. Gli effetti collaterali non sono affatto scontati e l'alternativa alla terapia medica è quella chirurgica (plastica antireflusso)

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore, lei ritiene sia preferibile continuare col farmaco e la gestione dei sintomi o procedere con l'intervento (sempre se risolutivo e privo di rischi)?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'intervento chirurgico può non essere risolutivo e non è esente da rischi.....
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie tante per il consulto.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Di nulla, si figuri.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it