Utente 560XXX
Salve,
mi chiamo Roberta e ho 36 anni.
L ' anno scorso dopo forti dolori all 'addome per circa 3 settimane fissi consecutivi notte e giorno, ho deciso di andare al pronto soccorso e fare accertamenti a ho riscontrato, tramite gastroscopia e analisi alle feci e al sangue, di avere:
gastroduodenite cronica, gastrite, ernia iatale ed helycobacter.. . insomma chi piu'ne ha più ne metta!! !
Ho fatto una cura come mi hanno suggerito i medici. . . antibiotici per debellare il batterio ed esopral, ma nn sono piu' riuscita a staccare il gastro protettore, perché mi ritornano i sintomi della gastrite, e ' un anno che lo prendo, posso continuare a prenderlo o e'un problema?! cioe'si puo' prendere a vita o porta complicazioni?
Faccio questo consulto perche' al momento sto facendo un passagio del medico curante e sono senza medico, inoltre da 1 mese, forse anche piu' ho diarrea gialla, non tutti i giorni, soprattutto quando mangio pesante e bevo alcool.
e ' normale? so che nn potrei bere. . . ma capita quando sono a cena con amici. . . .
Detto questo.. . . e ' dal 16 agosto che oltre ad avere questa diarrea e anche inappetenza
e dimagrimento, diciamo che i sintomi sono andati a peggiorare, diarrea piu di 15 volte al giorno, diventando mucosa e verde e a volte tipica da malo assorbimento, ovvero e 'come se non digerissi, evaquo cibo sano senza feci, misto a muco, molto strano e inquietante! Si e 'aggiunta anche febbricciattola dolori muscolari, fortissime fitte intermittenti all' intestino con conseguenti scariche diarroiche, la febbre in queste 2 settimane l ho contratta 2 volte con uno stacco di 2 giorni, potrebbe cmq essere un virus intestinale con questi sintomi?? ?
Quali accertamenti mi consiglia e cosa potrebbe essere se non un virus??
Sono molto spaventata.
Nel ringraziarvi
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
15 evacuazioni al giorno devono essere SUBITO studiate.
Faccia immediatamente una visita gastroenterologica.
Intanto faccia dosaggio della calprotectina fecale.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia