Utente 296XXX
Buongiorno,

sono in cura con Rifaximina per il trattamento della SIBO. Ne ho appena iniziato la somministrazione ma mi sorge un dubbio: è meglio se nel frattempo segua una dieta LOW FODMAP e priva di alimenti "irritanti" oppure sarebbe meglio mangiare normalmente? Da ricerche in corso che ho recuperato sembrerebbe più corretto avere una alimentazione "normale" che non escluda nulla (per quanto, nel mio caso, possa comportare fastidiosi effetti collaterali.. . ) .

Grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ritengo invece che escludere gli alimenti FODMAP (verso cui si è intolleranti) contribuisce a ridurre lo stato irritativo intestinale
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 296XXX

Insieme alla Rifaximina mi sono stati prescritti una serie di probiotici che dovrò continuare ad assumere anche per una 20gg dopo il termine dell'assunzione dell'antibiotico, in accordo a quanto mi ha prescritto lo specialista che mi ha visitato.

Dal Suo punto di vista quando potrei fare un "tentativo" con cibo "normale" per verificare a che punto è la mia SIBO? E' meglio aspettare il termine dell'intero ciclo antibiotico+probiotici?


La Ringrazio per il tempo che mi dedica.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
E' utile attendere il completamento del ciclo terapeutico
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 296XXX

Buongiorno, sto ormai per terminare la prima parte del ciclo di cure comprendente rifaximina+probiotico di supporto e a breve comincerò la seconda parte che comprende in 20gg una serie di un paio di probiotici (particolarmente forti tra l'altro)...però per ora il bilancio è tutt'altro che positivo. Leggo di persone che già dopo pochi giorni di trattamento notano incoraggianti miglioramenti, ma per quanto mi riguarda non sono così ottimista. In questi giorni infatti ho già sperimentato un paio di attacchi diarroici (di solito non li ho così ravvicinati) pur adottando una dieta estremamente ligia e priva di alimenti irritanti...oltretutto mi sono preso anche un bel raffreddore! Dalla (poca) cultura che mi son fatto sull'argomento una flora intestinale corretta dovrebbe anche aiutare il sistema immunitario, ma ad oggi ricevo segnali contrastanti dal mio corpo. È una situazione normale? Ovviamente terminerò la terapia, ma non mi sento per ora particolarmente fiducioso. Cosa ne pensa? Grazie

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
È ancora a metà della terapia.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 296XXX

Buongiorno, mi manca circa una settimana al termine della cura. Nel frattempo volevo porle un quesito che potrebbe essere correlato con la mia SIBO.
Praticamente ogni mese (durante l'estate in misura minore) sono spesso soggetto a delle "crisi" digestive della durata di 3-4 giorni (attualmente ne sto vivendo una in questo momento) delle quali non ho trovato altra spiegazione se non catalogandole come "influenze" gastrointestinali.

Sostanzialmente queste crisi si innescano con un pranzo/cena poco/mal digerito, con susseguente blocco completo della digestione e grandissima eruttazione che sfocia poi in un paio di scariche diarroiche e forte meteorismo (no sangue rilevato nelle feci e no vomito). Questa pesantezza di stomaco perdura anche nei pasti successivi, seguita sempre da forti eruttazioni e flatulenza, spesso con ricomparsa di diarrea. La situazione solitamente si calma nel giro di qualche giorno. Ho notato inoltre la comparsa di brufoli sul viso in concomitanza con questo evento.
Quello che io ho sempre trovato anomalo è la causa, perchè da anni seguo un alimentazione molto attenta in linea con la scuola LOW FODMAP, per cui non ci vedo una causa alimentare essendo piuttosto ligio col cibo che mangio.
Oltretutto sono anche molto attento alla quantità di cibo che introduco, perchè spesso quando mangio troppo o raggiungo un senso di pienezza eccessiva inizio ad avere forti eruttazioni e flatulenze (senza che comunque la cosa degeneri in ulteriori problemi digestivi).
Di conseguenza l'unica spiegazione che ho trovato è relativa ad un possibile fattore esterno quale qualche "virus" o magari un colpo di aria fredda imprevista.
Di queste crisi, che reputo indipendenti dagli alimenti che mangio o dallo stress che vivo, me ne succedono anche un paio al mese.

Secondo lei può essere qualcosa correlabile con la SIBO o può essere una manifestazione di colon irritabile?
Non potrebbe essere l'espressione di un'ulcera o di un qualcosa che affligge il mio stomaco, visto che questo problema nasce in quel punto per effetto di una digestione errata, di cibo mal digerito?

La ringrazio per la sua disponibilità