Utente 572XXX
Salve dottori, mi sveglio da un periodo con la nausea.

La notte ad addormentarmi faccio fatica e mi sento appesantita anche quando non mangio molto.

E ci sono stati dei giorni in cui ho sentito un dolore forte nella zona ombelicare.

Non riesco neanche a descrivere bene i sintomi perchè variano.

Però ho mal di pancia tutti i giorni.

Accompagnato da un forte mal di testa.

E durante le mestruazioni ho sempre dolori allucinanti.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Mi dispiace, ma la descrizione dei sintomi è un po' carente. Andrebbero descritti con maggiori particolari : la sede, quando compaiono, quanto durano, se vi sono irradiazioni, con cosa regrediscono, ecc.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente 572XXX

Si scusi dottore ma come le ho detto non riesco a localizzare a volte il dolore.
Mi prendono diciamo il piu delle volte dei crampi nella zona inferiore, avvengono il piu delle volte di notte e poi la mattina quando mi sveglio ho la nausea. A volte solo il dentifricio mi provoca un emissione forzata. Mi sento scombussolata tutta la giornata ed ogni volta mangio sempre meno per evitare di sentirmi male.
Non ho nessuna intolleranza alimentare e seguo un'alimentazione corretta. L'unico problema riguardo l'alimentazione è la perdita di appetito ultimamente. Non so se sono stata un po' più chiara, grazie lo stesso. Io penso non sia nulla di che e ormai sono abituata a sopportare questi dolori perché li considero normali e non c'è nulla da preoccuparsi ecco il motivo per cui non vado a fare una visita dal medico. Grazie ancora e scusi

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Ha ragione, anch ' io penso che lei non abbia nulla di cui preoccuparsi. Però i disturbi li ha e vive male. In questi casi si cerca almeno di alleviare i disturbi. Per lei ritengo utile prendere uno di quei farmaci che appartengono alla famiglia della levosulpiride, ma glielo deve prescrivere il suo medico di famiglia. Quindi, vada da lui ( è lì apposta per cercare di far stare meglio i suoi pazienti ) e gliene parli.
Prof. alberto tittobello